Visualizzazione post con etichetta Troma. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Troma. Mostra tutti i post

giovedì 14 giugno 2012

Mulva - Zombie Ass Kicker


Titolo: Mulva - Zombie Ass Kicker
Regia: Chris Seaver
Anno: 2001
Paese: Usa
Giudizio: 2/5

Mr. Bonejack. Mulva. Demon Phil. Lady McPouchsweat... sono i folli personaggi che girano nella mente del regista. MULVA segue le avventure di un'addetta al reparto cioccolata di una fabbrica intenta a preparare dolcetti per Halloween, fabbrica nella quale gira un vasto assortimento di folli personaggi come Bonejack, misto tra Don King e Bill Cosby che passa le giornate a prendere a calci zombi! FILTHY MCNASTY è la storia di due ragazzine nerd che scoprono i primi pruriti sessuali quando un demone le trasforma in due ragazze sexy... ma il prezzo da pagare è il sangue!







Mulva - Zombie Ass Kicker è una delle opere meno conosciute della Troma e sbarcata da noi come una blatta senza che nessuno si degnasse di sottotitolarla. Il perché sorge quasi spontaneo e fa parte di tutti quelli che da sempre trovano la Troma, una fabbrica di schifoserie mai viste, weird estremo, tanto sangue, sesso a volontà, volgarità come fossero ostie piovute dal cielo aggiungendo  così tanti squartamenti da sembrare una favola del cazzo come la passione di Cristo.
La locandina mostra una delle regine delle Scream Queen Debbie Rochon, la gnocca canadese e nel cast a parte lei compaiono Kaufman, sgt. kabukiman nypd, toxic avenger, naked cowboy e una specie di scimmia michael jackson...
Per ’59 minuti di film non manca proprio nulla nell’universo contaminato del trash più puro e genuino. IL reparto tecnico come sempre evidenzia un budget risicato e quasi nullo rispetto invece alle scelte e le intuizioni dei cameraman che cercano di mettercela tutta insieme al cast che quasi sempre per amore della casa di produzione sceglie di recitare a gratis.
Non una delle massime ma a tratti davvero spassoso nel suo delirio.

domenica 20 marzo 2011

Rabid Grannies

Titolo: Rabid Grannies
Regia: Emanuel Kervyn
Anno: 1988
Paese: Belgio
Giudizio: 4/5

Cult prodotto e distribuito per la Troma dell'89.
Una mandria di parenti si ritrova a festeggiare il compleanno di due vecchie zie piene di soldi che stanno sul cazzo a tutti. Entrambe piene di soldi accolgono una parentela che non si può vedere con tutti gli odi assopiti e i loro segreti.
Naturalmente ognuno di loro nasconde malefatte e tutti puntano solo sull'eredità, ma una scatola misteriosa creerà non pochi problemi al parentato.
Trashata demenziale godibilissima con humor sferzante alla Troma e scene parecchio grottesche. Dalla trasformazione in mostri delle due zie si assiste anche ad un ritmatissimo film splatter per niente gratuito efficace e violento. La forza dissacrante di Rabid Grannies rimane nella scelta di non risparmiare nessuno, bambini compresi e mostrare l’animalità mostruosa delle due zie che maciullano corpi mangiandone arti.
La produzione belga low-budget mostra come sempre sia possibile destreggiarsi con i generis anche con un budget risicato.
La regista è una sconosciuta di nome Emanuel Kervyn.
In conclusione uno dei prodotti migliori della famosa casa di produzione.

Frostbiter-Wrath of the Wendigo

Titolo: Frostbiter-Wrath of the Wendigo
Regia: Tom Chaney
Anno: 1996
Paese: Usa
Giudizio: 2/5

Durante una notte di bagordi due cacciatori rompono stupidamente il cerchio magico che tiene a bada il letale wendigo. Risvegliato, il mostro massacrerà chiunque gli capiti a tiro.

Il mito del mostro Wendigo che divora le persone pur essendo un mostro fatto di pongo e gomma devo dire che è assolutamente trash e fa spaccare dal ridere. A parte essere il compendio di vari fumetti usciti svariati anni fa sulla creatura crea la sua aurea di misticità e si consolida tra le infinite creature leggendarie. In diverse scene il mostro è realizzato con sequenze a passo 1 così come altri momenti assolutamente finti. Naturalmente per essere una produzione molto low-budget cerca di dare il meglio di sé con pochi soldi alla mano ma nel contesto pur non essendo interessante come altri film prodotti dalla Troma riesce ad essere dignitoso. Un altro film basato su leggende del calibro del Chupacabra anche se qui il mostro ha dimensioni notevolmente maggiori.
La scena weird N°1 è quella della mano del mostro che entra con dimensioni giganti nella capannetta è prende il cacciatore per poi rovinarlo.

Surf Nazist must die

Titolo: Surf Nazist must die
Regia: Peter George
Anno: 1987
Paese: Usa
Giudizio: 3/5

Siamo in California in un prossimo futuro. Il grande terremoto è arrivato e ha lasciato dietro di sé una terra martoriata e devastata da un gruppo di improbabili nazisti che terrorizza la popolazione. Sulle spiagge un tempo dorate della California sta per svolgersi una battaglia all'ultimo sangue in nome della libertà

La Troma è stata importantissima a metà degli anni ’70 dando la possibilità di coniugare estri artistici low-budget e confezionando alcune pellicole memorabili come la saga di TOXIC AVENGER,CLASS OF NUKE ‘EM HIGH,RABID GRANNIES,MANIAC NURSES,SGT KABUKIMAN e molti altri ancora.
Surf Nazist, un cult del naxiploitation insieme all’OCCHIO DEL TRIANGOLO, diventato dopo must die per paura di poter essere frainteso è una pellicola come sempre eccessiva su molti piani e limitata sotto altri aspetti. Presentato al Festival di Cannes del’87, strano ma vero, il film in questione presenta una situazione anarchica come in molte pellicole della Troma, la scusa del terremoto, sembra solo un pretesto per dare enfasi alla storia, così come il motivo per cui non ci siano più forze dell’ordine. Le bande di surfisti che spadroneggiano sembrano usciti dalle mode di quei tempi, fichetti gay, motociclisti,coreani shaolin e infine proprio i nazi dove vanno annoverati alcuni personaggi tra cui il leader Adolf, Hook e lo spietato Mengele.
Il film è incentrato su due piani, quello dei nazi che devono conquistare la spiaggia e spadroneggiare e invece la parte più interessante verso il finale dove violenza chiama violenza e così una grassa donna nera che sembra perfetta per un film di Waters da la caccia ai nazi con pistole e bombe a mano. Dal punto di vista tecnico ci sono parecchi limiti, inquadrature aggiuntive per allungare la durata, vedi alcuni dialoghi improponibili e gli stacchi su veri surfisti che cavalcano le onde. Il piano attoriale è eccessivo ma efficace, il ritmo altalenante e la cosa migliore sono le musiche composte da un'unica pianola che ripete sempre lo stesso brano che montato sulle scene di violenza dei nazi ha un suo perché.
In conclusione un buon film per gli amanti della Troma e del trash puro, con slavate di violenza sanguinolenta e un finale con arti sparpagliati di ciò che resta della band.

Poultrygeist: La notte dei polli viventi

Titolo: Poultrygeist: La notte dei polli viventi
Regia: Lloyd Kauffman
Anno: 2006
Paese: Usa
Giudizio: 4/5

Arbie è un nerd che torna sul luogo del suo primo e unico incontro romantico, il cimitero indiano Ancient Tromahawk Tribe Indian Burial Ground di Tromaville. Arrivato sul luogo, scopre che il cimitero è stato abbattuto ed è stato sostituito da un fast food, l'American Chicken Bunker. Inoltre scopre che la sua fidanzata, Wendy si è trasformata da ragazza timida in una lesbica liberal che protesta contro le multinazionali statunitensi.

Poultrygeist: La notte dei polli viventi è certamente uno dei capisaldi della prolissa serie di film della Troma. Tra i più recenti e tra i più spettacolari, rappresenta la ciliegina sulla torta per una produzione che si è sempre ritagliata uno spazio trash fuori dal comune dissacrando tutto senza mai risparmiarsi e proprio quando pensi che sia tutto finito allora non può risparmiarti qualcuno che muore cagandosi addosso e imbrattando le pareti di contorno.
Kauffman è l'idolo tra coloro che si aspettano da un film tutta l'esagerazione possibile e immaginabile spettacolarizzato da effetti speciali casalinghi. Da questo punto di vista all'interno della pellicola troviamo tutti gli elementi comuni della filmografia della Troma.
La cosa fantastica inoltre è quella di citare le pellicole precedenti come capita per le atmosfere di CLASS OF NUKE 'EM HIGH, TOXIC AVENGER, TERROR FIRMER solo per citarne alcuni.
I personaggi hanno i nomi di SHINING, come sempre nella scenografia compaiono locandine di altri film Troma come TROMEO AND JULIET, la trasformazione di uno dei polli è praticamente identica a quella del vampiro di DAL TRAMONTO ALL'ALBA così come alcuni massacri che rimandano a LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI.
Non manca la solita Tromaville e il nerd di turno che distaccandosi dal timido ragazzo tutto brufoli riesce a finire in un menage a trois con la sua ex che nel mentre diventa lesbica. Non manca il grassone di turno che presenzia a quasi tutte le pellicole.
Con mezzo milione di dollari Kauffman è riuscito a dare vita ad un genocidio di polli che non verrà dimenticato facilmente almeno dal punto di vista delle trovate e delle scelte stilistiche che non sembrano mai avere fine.
L'allegra compagnia che dovrà combattere la resurrezione del CIMITERO VIVENTE(l'analogia del fast-food che molto ha in comune con il Kentucky Fried Chicken costruito sopra un cimietro indiano la dice lunga)sono il manager afroamericano Denny, la musulmana Humus che esplode e poi resuscita immolandosi per Allah diventando una culturista, l'animalista Carl Jr., impiegati zoofili e feticisti, il messicano Paco Bell che ritroviamo in altre pellicole e un misterioso uomo sessantenne che lavora nel fast food da molti anni interpretato dallo stesso Kauffman che rappresenta una sorta di rivoluzionario eco-terrorista che metaforicamente attacca i polli come critica alle multinazionali(in questo caso del pollo ma in altri casi ad esempio era il materiale radioattivo) e compaiono inoltre Trey Parker e Matt Stone i geni che hanno creato e portano avanti SOUTH PARK.
Le critiche non risparmiano neanche gli stessi liberali che sembrano una manica di rozzi ignoranti che in base a poche e superficiali notizie basano tutta la loro filosofia di vita.
Indimenticabile e sboccato rappresenta uno dei più bei cult di tutta la filmografia trash contemporanea.

domenica 13 marzo 2011

Terror Firmer

Titolo: Terror Firmer
Regia: Lloyd Kaufman
Anno: 1999
Paese: Usa
Giudizio: 3/5

La storia si svolge sul set di un film della Troma, un possibile sequel di the Toxic Advenger. Durante le riprese una dark lady misteriosa si aggira indisturbata nelle varie location, seducendo vari membri della troupe per poi massacrarli nei modi più crudeli.

Questo è il migliore dei tre innanzitutto perchè non ha una struttura da film ma racconta una specie di film nel film. Un regista cieco, una protagonista che assomiglia alla Watts ed è fichissima(una pussy coi controfiocchi), Sgt.Kabukiman e Toxic giusto per omaggiare i film della Troma. Insomma ci sono tutti pure il tipo con la testa di vacca che viene ucciso in Toxic IV dallo stesso Toxic cattivo.
L'inizio è sorprendente...una donna killer che assomiglia come stile vagamente all' ANGELO DELLA VENDETTA di Ferrara, naturalmente in chiave trashissima, arriva e comincia a staccare gambe, cazzi, infila bong nei culi con tanto di coca e acqua sporca annessa.
Vedetelo e vi farete delle ghiotte risate.