Visualizzazione post con etichetta Spagna. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Spagna. Mostra tutti i post

lunedì 21 ottobre 2019

Dolor y gloria

Titolo: Dolor y gloria
Regia: Pedro Almodovar
Anno: 2019
Paese: Spagna
Giudizio: 4/5

Il regista Salvador Mallo si trova in una crisi sia fisica che creativa. Tornano quindi nella sua memoria i giorni dell'infanzia povera in un paesino nella zona di Valencia, un film da cui aveva finito per dissociarsi una volta terminato e tanti altri momenti fondamentali della sua vita.

L'ultima opera del maestro spagnolo è un film fortemente autobiografico.
Una galleria di passaggi personali, nostalgici, un film sul ricordo e sull'importanza della memoria. Un puzzle molto ben bilanciato di situazioni vissute ai limiti, dall'esperienza acquisita nel bene e nel male da tante situazioni e nel dare forma ad un identità precisa che il peso degli anni e degli eccessi finiscono per attecchire.
La bellezza del film e la forma con cui Almodovar descrive e narra le situazioni vanno verso una direzione precisa, riuscendo ad essere poetiche e romantiche come un saggio sulla bellezza. Si unisce a questo straordinario scenario ottimamente fotografato, un manipolo di attori che entrano con sostanza dentro i personaggi riuscendo a fargli loro e mettendo un pathos e una voglia di vivere che riesce a dare quella carica maggiore e quell'elemento in più ad un film che non ha bisogno di molte descrizioni. E' un'esperienza come tutto il cinema dell'autore e in quanto esperienza và vissuta fino in fondo nel bene e nel male.
Per Pedro come per altri registi che decidono di concedersi alla settima arte, la stessa vita è stata il cinema, un'esperienza cinematografica vissuta sui set e a dar vita ai racconti e lavorare con gli attori.
L'autore passa dall'altra parte come se la sua esperienza, dopo una carriera tra le più coinvolgenti del cinema spagnolo, abbia deciso di concedersi esplicitando una sua complessa forma di tormento.
Diari, madri, geografia, malattia, tempo perduto, il suo stesso cinema del passato che era migliore del presente, auto citazionismo, auto manierismo. La simbologia e l'eterna mutazione di Sabor si collega e ricollega con tutti i tasselli del cinema unito alle esperienze di vita del regista. Il risultato è unico.

giovedì 18 luglio 2019

Loreak


Titolo: Loreak
Regia: Jon Garano, Jose Maria Goenaga
Anno: 2014
Paese: Spagna
Giudizio: 3/5

La vita di Ane cambia completamente quando, settimana dopo settimana, riceve un mazzo di fiori a casa. Sempre alla stessa ora e sempre senza mittente.

E'vero fin da subito Loreak (Flowers) ci porta all'interno di una storia che non sembra avere molti elementi d'intrattenimento, con uno stile molto lento, quasi minimale, che si prende i suoi tempi per poi arrivare ad alcuni passaggi districati in maniera geometricamente perfetta e portando a galla uno schema corale fatto di indizi e particolari che nel climax finale troveranno tutte le loro collocazioni.
In parte sembra di vedere Almodovar meno spigliato e meno preso da quella smania di dover comunicare e colpire lo spettatore. Il primo atto è sicuramente delizioso per come la coppia di registi indaga e osserva le dinamiche di una coppia che vive un rapporto passivo dove lei scopre nella scena iniziale di aver raggiunto la menopausa e di un marito che sembra preso da tutt'altro senza darle stimoli e apprezzamenti, se non la tipica gelosia di qualcosa (i fiori) che rompono l'abitudinarietà della monotonia di coppia.
Ed è proprio quel salto fuori dalla normalità, quell'apprezzamento da parte di uno sconosciuto che ogni giovedì le manda un mazzo di fiori, a farle riaccendere la voglia di vivere, la passione di essere desiderata, di una cinquantenne ancora molto bella che necessita di essere vista, amata e apprezzata (se non dal marito, allora dallo sconosciuto dei fiori). Il tutto però senza mai arrivare di fatto a nulla, senza mai far ricorso a scene di sesso o di violenza.
Questi indizi o questo giallo iniziale, sempre con toni da commedia senza mai intraprendere altri percorsi, o inserire un certo cinema di genere, si dipana incontrando altre storie in uno schema quasi corale, dove le traiettorie dei personaggi dovranno scontrarsi e avvicinarsi, senza però mai danneggiarsi come a confermare il bisogno del film di rimanere un dramma moderno complesso e stratificato.
Il punto di forza del film è di rendere interessante una storia che dalle prime scene potrebbe sembrare persino insignificante, mostrando con molta profondità e attenzione cosa può succedere quando ci mancano le parole per esprimere i nostri sentimenti.



mercoledì 5 giugno 2019

Zona


Titolo: Zona
Regia: Rodrigo Plà
Anno: 2007
Paese: Spagna
Giudizio: 4/5

Alejandro, ragazzo di buona famiglia, vive nella Zona, un quartiere di Città del Messico che è un vero e proprio ghetto per ricchi, sorvegliato da poliziotti privati. Una notte, tre giovani dei sobborghi poveri vi penetrano per compiere una rapina che finisce nel sangue. L'unico sopravvissuto viene catturato ma, invece di consegnarlo alla polizia, gli abitanti decidono di sottoporlo a un processo sommario...

Negli anni del capitalismo della sorveglianza, il film di Plà assume contorni precisi e quanto mai attuali per denunciare un sistema di giustizia sommaria e privata.
Il cittadino che diventa giustiziere aiutato e spalleggiato da un gruppo di gregari è uno scenario che il cinema indaga e attraversa per farci riflettere dal momento che quotidianamente la cronaca denuncia queste ignominie.
Un film che indaga un evento di cronaca caricandolo di pathos e ingiustizia per esplodere in uno dei finali più drammatici e disturbanti degli ultimi anni, mostrandoci ancora una volta fin dove può spingersi la regressione umana fino ad arrivare alla scelta di un capro espiatorio e di una vittima sacrificale da immolare e rendere manifesto e monito per il resto delle vittime.
Tratto da un libro scritto dalla moglie del regista, la zona diventa uno spazio geografico che possiamo individuare in ogni parte del mondo dove muri e cancelli dividono la ricchezza dalla povertà confinando l'umanità derelitta, senza contatti e aiuti tra le parti ma anzi cercando sempre di più di rimanere nella proprietà privata seguendo un codice di regole fisse che non ammettono passi indietro, pensando così di aver allontanato un problema e spendendo ingenti quantità di soldi per aumentare un sistema di difesa che porta la classe dominate ad essere ancora più ottusa e ipocrita.
Plà è un regista uruguayano che da sempre ha cercato di portare una sua precisa politica d'autore sulla denuncia dei soprusi e sulla proprietà privata che soprattutto nel Sud America ha creato e sta creando tensioni e conflitti.



martedì 30 aprile 2019

Mientras duermes


Titolo: Mientras duermes
Regia: Jaume Balaguero
Anno: 2011
Paese: Spagna
Giudizio: 4/5

Senza nessuno scopo nella vita e geneticamente incapace di essere felice, César prova piacere a far soffrire le persone che lo circondano. Nel palazzo di Barcellona in cui lavora come portiere appronta un gioco al massacro psicologico che ha come oggetto principale Clara, una giovane il cui atteggiamento gioioso verso la vita lo inorridisce, e come obiettivo quello di cancellarle per sempre il sorriso dalla faccia. Ogni sera, penetra nell'appartamento della donna e, dopo essersi assicurato una maggiore profondità del suo sonno col cloroformio, mette in atto il più spietato dei piani.

Quando si parla di regole del thriller, del giallo e di come dipanare la suspance per tutta la durata di un film non si può non pensare ad un outsider spagnolo come Balaguero.
Il suo cinema non ha bisogno di presentazioni e il curriculum dell'artista è costellato di film di riferimento per gli amanti del genere.
Mientras Duermes ha una storia molto malata che presenta però dei diktat squisiti come quello di usare un contesto reale esasperandolo al massimo (caratteristica ormai sempre più singolare anche se molto usata dagli spagnoli come Alex De La Iglesia) sfruttare al massimo il potenziale espressivo di un attore malleabile come Luis Tosar e trattare tematiche come la scelta tra bene e male, la fallibilità della giustizia e quell'impossibilità alla felicità che sta diventando un leitmotiv sempre più contemporaneo non solo nel cinema.
I riferimenti al giallo hitchcockiano con Cesar che parla con la madre malata come in parte Norman Bates faceva con l'altra "madre" servono solo ad aumentare la pluralità di riferimenti che il film non dimentica di citare sottotesto ma da cui prende le distanze dimostrando un ottimo lavoro di script per una sceneggiatura originale. La location straordinariamente riesce ad essere una sola (un condominio-microscosmo quasi a tenuta stagna) e spalmando così una galleria di personaggi che dimostra ancora una volta come Jaume ne abbia per tutti senza risparmiare nessuno (la bambina e quello che le succederà è davvero inquietante) ma mai come il dramma e l'agonia ai danni della bellissima Clara trovandoci forse per la prima volta a indagare così la sfera privata di ognuno durante l'oblio del sonno.
Vogliamo poi parlare di uno dei finali più belli, tragici, grotteschi e perfidi oltre che suisitamente malati.


venerdì 8 febbraio 2019

Settima musa


Titolo: Settima musa
Regia: Jaume Balaguero
Anno: 2017
Paese: Spagna
Giudizio: 3/5

Trinity College, Dublino. Il professor Samuel Solomon chiede ai suoi studenti una proposta alternativa poetica all'inferno di Dante, di cui sono stati letti dei brani in aula. Il professore è molto popolare tra gli studenti e ha anche una relazione segreta con una delle sue studentesse, Beatriz. La ragazza però soffre la clandestinità della relazione e si fa promettere da Solomon che lui l'amerà per sempre. Ottenuta la promessa, Beatriz va in bagno e si taglia le vene, suicidandosi. Un anno dopo, Solomon è ancora devastato da quanto è successo. Racconta alla collega Susan Gilard - l'unica che gli dimostra simpatia e comprensione - lo strano e terrificante incubo che ha da circa tre settimane. Solomon è convinto che l'incubo non abbia niente a che fare con il lutto che l'ha colpito. Susan è più dubbiosa.

Spendere menzioni particolari su Balaguero è inutile.
Attualmente non mi stancherò mai di dire che è uno dei maggiori registi europei horror contemporanei.
La settima musa sembra essere quella possibilità che seppur mi è piaciuto, ho trovato difettosa nella politica di intenti del regista. Un film con un plot molto bello che purtroppo sembra una versione mediocre di un libro di Dan Brown. Mi rammarico molto di ciò, ma il film che ha tanti aspetti travolgenti e funzionali, sembra da un lato distante rispetto all'occhio del regista, come se ci fosse entrato per metà e l'altra sia rimasta in un limbo ad osservare le muse predatrici che divoravano lentamente la sua opera.
Torniamo alle radici, ai rituali antichi, ad una parte di paganesimo mai riconosciuto, allo sposare aspetti folkloristici con una mitologia poco conosciuta che negli ultimi anni sta tornando in auge.
Unire le muse, darne sette esempi diversi di come la Grande Madre sembra vedere e sapere ogni cosa. Un film che parte con un bell'incidente scatenante, supportato da una fotografia e una soundtrack emozionante.
I dettagli sono importanti così come la narrazione che viene sviluppata in maniera lenta e adeguata portando lo spettatore quasi inconsciamente di fronte ad un uovo sacro e infine nella discesa agli inferi. Consistenti astrazioni filosofiche e letterarie servono a creare dubbi e a dare enfasi ad una trama molto articolata, per fortuna riesce ad essere quasi sempre chiara, pur avendo dei colpi di scena o degli sviluppi a volte piuttosto scontati.
Lasciando alcune porte aperte, come è giusto che questo genere alle volte faccia, per non dover raccontarci tutto, Balaguero dimostra come non abbia perso assolutamente il talento, la passione e il desiderio di narrare storie originali, qui che chiamano in cattedra diversi topoi narrativi e letterari, riuscendo però a far coincidere quasi tutto e dando un fascino alla storia e a queste muse che raggiungono i punti più alti proprio quando non si ricorre al sangue, alla tortura o alla violenza.

mercoledì 6 febbraio 2019

Pelicula para no dormir-Cuento de navidad


Titolo: Pelicula para no dormir-Cuento de navidad
Regia: Paco Plaza
Anno: 2006
Paese: Spagna
Stagione: 1
Episodio: 4
Giudizio: 3/5

Un gruppo di amici giovanissimi trova in una buca una donna vestita da Babbo Natale: è una pazza pericolosa evasa da una prigione, responsabile di una rapina. I bambini promettono di liberarla solo se lei consegnerà loro il denaro ancora in suo possesso, ma le cose non andranno esattamente come previsto

Ancora una volta viene indagato l'animo umano. Qui il tema è legato ai bambini quando si pensa che siano tutti piccoli e innocenti, ma quando il cinema e la cronaca spesso ci hanno fatto intravedere altro.
In più il tema del gruppo, dove si fa largo il concetto di normalità che tanto piaceva a Matheson, per cui la normalità è un concetto di maggioranza, quella di molti e non di uno solo.
Qui si presta perfettamente scherzando con il tema del Natale, rendendolo ancora più sporco e cattivo, quando dovrebbe riportarci a episodi di bontà e dolcezza, contando che la vittima non solo è vestita da Babbo ma è anche donna e vedere il modo con cui questo gruppo di bambini si divertono a torturarla è impressionante.
Ovviamente Plaza, uno dei registi che più farà discutere in futuro, raccoglie e prende tutto il possibile da un'idea come questa, cercando di regalare preziosi particolari, trovando un ritmo interessante e giocandosela bene con il cast di giovani attori.
I ragazzi abituati a vedere attraverso lo schermo sembra che perdano la sensibilità con ciò che avviene nel presente con persone "reali" e non mostri "irreali" come nel film "Invasione Zombie".
Questo il regista lo capisce e riesce a trasmetterlo bene.

Peliculas para no dormir-La culpa


Titolo: Culpa-Peliculas para no dormir
Regia: Chicho Ibañez Serrador
Anno: 2006
Paese: Spagna
Serie: 1
Episodio: 2
Giudizio: 3/5

Una ginecologa invita una sua amica infermiera e la figlia ad alloggiare da lei. In cambio, la donna l'aiuterà nel mestiere di abortista.

Finalmente dopo anni di inattività, torna chiamato da Fernandez, uno dei registi che ci ha regalato in passato, un cult pazzesco ancora adesso in grado di mostrare tutto il suo orrore.
La culpa è un thriller vecchio stampo con tanti riferimenti ai vecchi horror di genere che hanno il tema della casa, di questa grossa mansione che piano piano mostrerà tutte le sue crepe a partire dalla co-protagonista, fino al climax finale che salva l'episodio in corner.
Una struttura che risulta solo a tratti macchinosa e in cui fin da subito è chiaro l'intento di Ana, invitando a stare in casa con la figlia la bellissima Gloria con più di un intento alla base che risulterà misterioso per lo spettatore.
Il pregio del film è che quando sembra aver preso una strada, la regia depista lo spettatore portandolo da tutt'altra parte e questo elemento che però va anche detto, non sempre la sceneggiatura riesce a gestirlo come dovrebbe e il risultato è funzionale ma finisce lì.
Serrador apre alcune porte che sappiatelo non daranno alcuna risposta, il che dal momento che succede più di una volta, rischia di dare pure parecchio fastidio.



Peliculas para no dormir-Habitacion del nino


Titolo: Peliculas para no dormir
Regia: Alex de la Iglesia
Anno: 2006
Paese: Spagna
Serie: 1
Episodio: 2
Giudizio: 4/5

Una giovane coppia con figlioletto al seguito va a vivere in una nuova casa, ma la loro tranquillità (soprattutto quella del marito) sarà presto insidiata da una misteriosa figura che sembra voler rapire il bambino…

Alex de la Iglesia è sempre adorabile per diversi motivi. Prendendo ad esempio questo progetto, probabilmente tra i migliori dei 6, il regista spagnolo inserisce tutti i suoi aspetti peculiari.
Ironia, grottesco, azione, sangue, conflitto, trappoloni, per arrivare al climax finale in cui lo spettatore è disperato quanto il protagonista e nonostante le scene assurde continua a empatizzare per e con lui. Il film parte prendendosi tutto il tempo rimanendo però sintetico quanto basta per non ripetersi mai. I doppi sensi e la possibilità di creare il dubbio dove non c'è da situazioni di apparente normalità è uno dei suoi strumenti più efficaci e in questo caso riesce in maniera molto disinvolta, soprattutto con il cast, a rendere questo fattore ancora più realistico.
La location, l'uso delle telecamere (ed era uno dei primi a sfruttare questo sistema di video sorveglianza sui bambini), l'amore e il rapporto di coppia, le paranoie e le allucinazioni e infine la chiave di svolta che chiude bene una storia che non butta via nulla, ma che anzi dimostra enorme padronanza dei mezzi e della narrazione.
In più Iglesia è uno sempre in grado di spiazzarti con continui colpi di scena, slittando tutte le facilonerie, per cercare di rendere la struttura complessa, ma realistica sotto gli aspetti che lo consentono.

Peliculas para no dormir-Regreso a Moira


Titolo: Peliculas para no dormir-Regreso a Moira
Regia: Matteo Gil
Anno: 2006
Paese: Spagna
Serie: 1
Episodio: 6
Giudizio: 3/5

Tomás, un uomo di mezza età, scrittore di successo, ha passato gli ultimi quarant’anni della sua vita vivendo all’estero: tornato a casa, dovrà fare i conti con i fantasmi del suo passato, tra cui Moira, la misteriosa donna della quale si innamorò quando era ragazzino…

Dei sei episodi, Regreso a Moira, pare quello che più si accosta al genere melò, trovando però una venatura tutta sul thriller che rischia di cadere nel tragico senza farsi mancare fantasmi, case abbandonate, etc.
In parte è così, in parte c'è un duo poi un trio a disegnare un triangolo amoroso dove per forza alla fine qualcuno patirà le conseguenze.
Gil, sceneggiatore di Amenabar, parte subito dalla ricostruzione, dall'ambientazione, la fotografia che sembra illuminare qualcosa di antico, una relazione proibita e che in quanto tale, genera fin da subito delle conseguenze inattese e degli effetti perversi.
Un episodio nostalgico basato sui ricordi, sulla memoria, sulle scelte sbagliate e i rimpianti.
Forse l'unico episodio a far vedere una scena di sesso e forse l'unico a non scegliere pedestremente l'horror, preferendo sviscerandone alcuni sotto temi, per creare una storia che appare come la più distante dalle altre, ma allo stesso tempo, forse tra le più misurate nel contenere i propri eccessi e lasciando così che la verosimiglianza di alcuni aspetti prenda vita su grande schermo.





mercoledì 23 gennaio 2019

Peliculas para no dormir- Para entrar a vivir



Titolo: Peliculas para no dormir- Para entrar a vivir
Regia: Jaume Balagueró
Anno: 2006
Paese: Spagna
Stagione: 1
Episodio: 5
Giudizio: 3/5

Una coppia di giovani, attirata dal basso costo, visita un appartamento per valutarne l'acquisto: fin dall'inizio appare chiaro che l'offerta è una bufala, ma l'agente immobiliare, che insiste perché considerino i vantaggi, nasconde ben di peggio in quel condominio.

Nel 2006 complice il successo di una serie come MASTER OF HORROR e in misura minore FEAR IT SELF, in Spagna cercarono di fare un'operazione simile dando carta bianca a sei registi diversi ma noti nel panorama per siglare sei episodi di un'ora circa.
Una produzione che fin da subito dimostra i suoi punti di forza e di come, pur avendo evidenti limiti di budget rispetto agli americani, non sfigura affatto. Anzi.
Questo episodio ha tanti difettucci, la storia in parte è stra-abusata, alcuni colpi di scena risultano piuttosto telefonati e il finale è prevedibile, ma ciò che conta è la messa in scena, di come Balaguero che poi a breve girerà REC, dimostra di saper usare la macchina all'interno del palazzo in modo molto astuto e infatti il primo atto, dove non succede quasi nulla, ma la suaspance sale, è la parte migliore a differenza della escalation splatter e gore del finale.
Strizzando l'occhio a A l’interieur, il risultato rimane più che discreto senza parlare di un cast che inquadra perfettamente i personaggi, senza indagarne troppo la psicologia, ma rendendoli funzionali.

lunedì 17 settembre 2018

Genesis


Titolo: Genesis
Regia: Nacho Cerda
Anno: 1998
Paese: Spagna
Giudizio: 4/5

Uno scultore perde sua moglie in un incidente.
Come un Pigmalione addolorato risveglia dalla pietra il corpo del suo amore perduto, ma nello stesso istante in cui questo prende vita l'uomo si trasforma a sua volta in una statua.

Romantico, inquietante e allo stesso tempo molto coinvolgente l'ultimo dei tre mediometraggi girati da Cerda per la sua trilogia sulla morte.
Qui la trasformazione, il bisogno di credere in un miracolo possibile, la resurrezione sono tutti elementi importanti che portano qui al macro tema ovvero quello della metamorfosi. A differenza dei precedenti lavori qui la regia non è per niente sanguinolenta o truculenta lavorando quasi di sottrazione e puntando tutto sull'atmosfera (per tutti i trenta minuti siamo all'interno del laboratorio con una fotografia che verte quasi solo sul bianco e l'azzurro), dove la colonna sonora è la musica classica, dove non ci sono ancora una volta dialoghi ma invece sono proprio le sonorità a dare quel senso di tensione e ansia per qualcosa che lentamente scopriamo ma che solo nel climax finale vediamo manifesta.
La genesi della statua, la sua nascita, i continui e nuovi tentativi, la capacità di non mollare portano lo scultore nel bellissimo finale a poter vedere la creazione un istante prima di trasformarsi interamente in pietra inerte.

lunedì 10 settembre 2018

Black hollow cage


Titolo: Black hollow cage
Regia: Sadrac González-Perellón
Anno: 2017
Paese: Spagna
Giudizio: 3/5

Alice ha un braccio cibernetico, un padre premuroso ed un cane parlante che chiama mamma. L'apparente tranquillità del menage domestico nella villetta postmoderna immersa tra i boschi dove vivono, viene improvvisamente turbata dalla presenza di tre estranei che si introducono in casa con l'inganno e da un misterioso monolite cubico che dispensa consigli sibillini.

I film di fantascienza non sono semplici da scrivere e da girare. Hanno ancor più bisogno di idee e di una buona capacità di realizzarle senza per forza dover ricorrere a budget faraonici o a effetti speciali molto costosi.
Il film spagnolo in questione è la prima grossa possibilità concessa al regista dopo un indie di una decina di anni fa. Ci sono tanti ingredienti in questo film: intelligenza artificiale, cubi iper tecnologici in mezzo ad una foresta, bracci bionici, case con una scenografia alla Ex Machina
, salti temporali, e altro ancora.
Un film che parte molto bene rimanendo ancorato alle regole di fantascienza mentre dal secondo atto tende a virare per cercare un thriller quasi da stanza.
Con una divisione per capitoli, forse al di là del mix di ingredienti sembra proprio questo elemento a non trovare soprattutto nel finale, diciamo tutto il terzo atto e il climax finale, una coerenza che soddisfi il pubblico senza portarlo a domandarsi più di quanto dovrebbe.
Da un lato può essere una tecnica quella di lasciare il finale aperto, ma in questo caso forse alcuni elementi non sono stati combinati al meglio nella sceneggiatura trovando delle scelte discutibili per quanto comunque rimangano molto interessanti e particolarmente efferate.
Nonostante tutto il film è geometricamente perfetto e minimale nella sua elegante messa in scena dove è impossibile non soffermarsi sulle atmosfere molto inquietanti, dove all'interno della casa proprio questo eterno silenzio e la paura che qualcuno possa entrare spesso danno l'impressione di trovarsi di fronte ad un home invasion
Dal punto di vista tecnico funziona tutto molto bene, così come delle interpretazioni funzionali e la fotografia, accompagnata da una colonna sonora angosciante e da paesaggi e boschi completamente deserti per dare quel senso di pace ma anche solitudine (Alice a parte il cane/mamma e il papà non ha nessuno con cui giocare)
E poi il cane chiamato madre che parla con un particolare dispositivo che sembra l'anello di Re Salomone del 21°secolo è esilarante e originale.

Black hollow cage è un film molto interessante con alcune anomalie ma nel totale rimane una grande prova tecnica, di interpretazioni e con una sceneggiatura da livellare ma che comunque rimane notevole.

giovedì 19 luglio 2018

Bajo la rosa


Titolo: Bajo la rosa
Regia: Josue Ramos
Anno: 2017
Paese: Spagna
Giudizio: 3/5

Oliver e Julia sono una coppia benestante che vive una vita agiata con i figli Alex e Sara. Una mattina, madre e figlia escono di casa di fretta: Julia è già in ritardo per il lavoro e decide di lasciare Sara a pochi passi da scuola. Al suo rientro a casa, scopre però che Sara non è mai entrata in classe. In preda alla disperazione, tutta la famiglia chiede l'aiuto della polizia ma per giorni nessun indizio si rivela utile. Tutto cambia quando una lettera misteriosa, scritta da qualcuno che sostiene di aver trattenuto Sara, propone di lasciarla andare a patto di poter parlare con i restanti tre componenti del nucleo familiare.

Ultimamente come ho già detto più volte soprattutto sui thriller europei la Spagna continua ad essere in prima linea assieme a pochissimi altri paesi.
I film prodotti e non distribuiti negli ultimi anni sono davvero tanti, numerosi registi diversi e idee nonchè tematiche slegate del tutto differenti.
In questo caso il dramma famigliare viene deflagrato sulla base di un segreto da confessare da parte di un mebro del nucleo (padre-madre-figlio).
Il kammerspiel da qui in avanti ci porta al tema del sacrificio e della confessione, i quali vengono messi in scena in maniera del tutto trasparente con una tecnica e un ritmo incredibile.
Ramos si trova a che fare con un indie in tutto e per tutto a partire dall'unica location e dall'uso centellinato dei mezzi, un cast di nomi abbastanza nuovi e una realizzazione che trova nel plot narrativo e soprattutto nei dialoghi la parte migliore senza contare che il vero dolore viene inferto quasi esclusivamente a suon di parole e sguardi.
Un film che punta tutto sull'atmosfera e sulla tensione senza cadere mai nel ridicolo e riuscendo a trasmettere una paura reale come se incidenti e situazioni di questo tipo non siano poi così distanti dalla realtà.
Come spesso capita vittime e carnefice possono scambiarsi le parti in una trappola che riuscirà a sferrare un buon colpo di scena in un climax inaspettato

mercoledì 9 maggio 2018

Marrowbone


Titolo: Marrowbone
Regia: Sergio G.Sanchez
Anno: 2017
Paese: Spagna
Giudizio: 3/5

Dopo la morte della madre, quattro bambini decidono di nascondersi in una fattoria dove però accadono fatti misteriosi.

Marrowbone è quel tipico film che aspetti e che non vedi l'ora di gustarti con un'attenzione minimale sapendo di trovarti al cospetto di quel tipo di horror che cerca di trovare spunti nuovi e interessanti, essendo indipendente e soprattutto un esordio alla regia e quindi finendo immancabilmente per avere così tante aspettative da riuscire difficilmente a portare a casa tutti i risultati.
E alla fine non si può certo dire che delude le aspettative ma non si può neppure dire che diventa quell'istant cult horror che come di consueto ogni anno prevede una ristrettissima cinquina di film (e mi sono tenuto largo).
Tanti i temi e gli ingredienti di questa opera prima.
Ghost Story, dramma famigliare, casa maledetta,"mostro" nel finale. Il problema grosso della sceneggiatura è legato al cambio strutturale e soprattutto degli intenti che muovono l'antagonista nel terzo atto. Tutta la suspance che si viene a creare e che ricorda tanto cinema orientale, è supportata da alcune buone prove attoriali e soprattutto l'atmosfera riesce a raggiungere dei buoni momenti anche quando non si confronta propriamente con l'horror ma solo con il dramma famigliare (tutta la parte dove devono nascondere il cadavere della madre). Tutta questa suspance legata poi al segreto misterioso che finalmente apprendiamo, sembra sgretolarsi con il finale che mostra tutto e lo fa pure in maniera alquanto discutibile e mi spiace dirlo deludente anche se alcune scene d'azione sembrano costruite appunto per avere quei jump scare assenti nella parte precedente.




mercoledì 7 marzo 2018

Veronica


Titolo: Veronica
Regia: Paco Plaza
Anno: 2017
Paese: Spagna
Giudizio: 3/5

Madrid, 1991. Una ragazza adolescente si ritrova assediata da una forza soprannaturale malvagia dopo aver giocato a Ouija con due compagni di classe.

Ormai il sotto filone dell'horror sulle possessioni ha raggiunto una filmografia sconfinata soprattutto se si pensa ai prodotti americani spesso abbastanza simili, quasi tutti ridicoli e con pochi spunti originali alla base.
Paco Plaza per chi non lo conoscesse è uno dei nomi più interessanti del panorama spagnolo spesso in coppia con Jaume Balaguero.
Questo suo sconfinamento sulla possessione peraltro legata ad un gioco che tiene intrappolate altre citazioni e similitudini riesce nonostante tutto a sganciarsi in maniera abbastanza astuta da altri prodotti commerciali per una messa in scena e una psicologia dei personaggi attenta e funzionale.
Certo non gridiamo al capolavoro ma non doveva e non voleva esserlo. Si apre in medias res mostrandoci di fatto il finale e narrando poi tutta la vicenda che gioca bene le sue carte partendo anche dalle location su cui si concentra (casa, scuola, bar) in uno scenario urbano che ormai grazie al cinema spagnolo conosciamo piuttosto bene.
Veronica è una storia di formazione in un ambiente e una vicenda che riesce ad essere molto realistica soprattutto nella parte in cui proprio la protagonista deve prendersi cura dei fratelli senza però di fatto sostituirsi alla madre. Con una bella scena in cui ci viene mostrata l'eclissi lunare che converge dal punto di vista filologico sulla narrazione fanno capolino in questa tragedia che consumiamo lentamente pur sapendo come andrà a finire, una suora che pur esagerata nella caratterizzazione (suor "morte"non vedente, che fuma e sente le presenze) riesce ad ampliare quella sorta di atmosfera da brivido che tocca i punti più alti con la comparsa del padre defunto della ragazza.
Una messa in scena forte per uno stile libero e selvaggio con un ritmo ben bilanciato, attrici in parte (ottimo il lavoro con l'adolescente e i bambini) e alcuni twist soprattutto finali decisamente efficaci per una vicenda che parte da alcuni casi veri e risolti dalla polizia verificatisi nei quartieri operai della capitale spagnola negli anni '90
Plaza conferma il suo talento e la capacità di muoversi nel sotto genere senza difficoltà, certo non raggiungendo i fasti del capolavoro di REC ma rimanendo una promessa e uno dei registi indiscussi del new horror europeo soprattutto spagnolo in questo caso regalandoci un'altra riflessione e metafora di come in fondo l'idea che tutti i demoni e le creature temibili nascano prima di tutto nel cervello umano.

martedì 27 febbraio 2018

Cold Skin


Titolo: Cold Skin
Regia: Xavier Gens
Anno: 2017
Paese: Spagna
Giudizio: 3/5

Un giovane irlandese accetta l'incarico di trascorrere un anno su un'isola vicino al Circolo Antartico per osservare le condizioni meteorologiche del luogo. Convinto di essere solo, scoprirà presto che sull'isola ci sono altre creature poco ospitali con lui

Gens è uno dei quei registi della new-horror che più mi garbano assieme a Weathley, Du Welz, Mo Brothers, Marshall, Laugier, Balaguero, Bustillo e i due fratelli israeliani più tanti altri nomi.
Per un attimo avevo paura che c'è lo fossimo persi da qualche parte accettando lavori di ripiego come Crucifixion e la firma a quella fetenzia di nome HITMAN.
Gens è da sfruttare per altre cose come questo lavoro che seppur derivativo, segna un importante passo in avanti nell'avanscoperta su un genere quanto mai brulicante di elementi nuovi.
Si torna a scomodare il maestro dell'orrore cosmico anche se qui le triangolazioni sono minori rispetto agli ultimi horror crepuscolari che hanno deciso di omaggiare il maestro di Providence.
Una dark story fantasy che se non fosse per l'assedio delle creature sembrerebbe fin troppo reale smarcandosi tra intrecci letterari con tantissimi riferimenti soprattutto ai classici.
Alla fine più che l'incontro col mostro, è la storia di un approdo e della solitudine su un'isola perduta tra due uomini e una creatura femminile che sembra aspettare che siano gli altri a scegliere per lei e per gli altri.
Forse è una delle prime volte nel cinema conosciamo un osservatore metereologico che per dimenticare il passato decide di isolarsi alle prese con eventi naturali e incredibili che riflettono e minano la sua identità e interiorità arrivando presto a scoprire e qui il messaggio che arriva fumoso e confuso che queste creature erano gli abitanti di quell'isola e che ancora una volta l'uomo bianco come per gli indiani gli ha sterminati per i propri interessi.
Un film che con un budget misurato e dei buoni effetti speciali (il make up è ottimo) poteva certamente dare qualcosa di più in termini di storia a differenza invece di una messa in scena elegante e in grado di trasmettere anche se non come mi immaginavo una buona dose di tensione ed empatia soprattutto per quanto concerne il rapporto con Aneris.




giovedì 4 gennaio 2018

Chispa de la Vida

Titolo: Chispa de la Vida
Regia: Alex De La Iglesia
Anno: 2011
Paese: Spagna
Giudizio: 3/5

Roberto non lavora da ormai qualche anno e la crisi economica comincia a farsi sentire. Nonostante una famiglia e una moglie amorevole, il suo senso d'insoddisfazione arriva al culmine quando anche l'amico di vecchia data (assieme al quale aveva partorito il fortunato slogan per una campagna pubblicitaria) rifiuta di dargli un impiego. Depresso torna sui luoghi della luna di miele dove ora sorge un museo che viene inaugurato proprio in quel momento. Un incidente lo fa cadere su una grata di ferro e uno spuntone di metallo gli si conficca nel cranio, ma non lo uccide. In un limbo tra la vita e la morte (che potrebbe arrivare in qualsiasi momento e per qualsiasi movimento) Roberto diventa l'attrazione mediatica per antonomasia, pronto a morire in diretta ma soprattutto a sfruttare più che può a proprio vantaggio (economico) tutto l'accaduto.

Il sedicesimo film dell'outsider spagnolo seppur con una spanna in meno rispetto agli ultimi suoi film è ancora una volta la conferma e la dimostrazione di un talento che ha preferito fare il suo cinema senza farsi ingabbiare dalle major.
Senza stare a presentare l'autore che non ha bisogno di presentazioni, ci troviamo di fronte all'ennesimo dramma grottesco anche se più convenzionale rispetto al suo cinema tradizionale che porta alle estreme conseguenze la tragedia per sfruttarla a dovere con uno schema corale funzionale e un buon ritmo.
A differenza però degli ultimi film, la scintilla della vita è molto ancorato sulla realtà in particolare sui media e gli effetti perversi che generano e le loro conseguenze inattese. Dunque una nuova vittima sacrificale post contemporanea dove la dignità passa per la vendita del proprio corpo ai media e dove un povero padre di famiglia disoccupato diventa la vittima perfetta per un manipolo di carnefici ognuno pronto a portare acqua al suo mulino, dal direttore del museo, ai giornalisti cannibali, al losco individuo che cerca nuovi talenti da mostrare in tv, etc.
Il tutto come sempre con un ritmo eccezionale, alcuni momenti macchinosi ci sono ma funzionali contando che il regista anche in questo caso per riuscire a fare il suo film ha limitato di molto i costi con un'unica location per quasi tutto il film. Una riflessione divertita sui compromessi ai quali ci obbliga l'attuale crisi economica,quella spagnola poi particolarmente segnata, e soprattutto sui meccanismi che mettono in moto gli eventi mediatici costruiti su quei fatti di cronaca che di tanto in tanto catalizzano l'attenzione del pubblico televisivo e che sembrano non sconvolgerci più.
Roberto deve superare un vero e proprio calvario dove il chiodo e la croce nonchè le statue dei santi sono tutte simbologie che portano alla parabola finale del film.


sabato 18 novembre 2017

Timecrimes-Los Cronocimenes

Titolo: Timecrimes-Los Cronocimenes
Regia: Nacho Vigalondo
Anno: 2007
Paese: Spagna
Giudizio: 4/5

Hector, un uomo di mezza età appena trasferitosi con la moglie in una casa vicino al bosco, è comodamente seduto in giardino. Sta osservando i dintorni con un binocolo, quando nota una ragazza molto attraente che si sta spogliando nel bosco, mentre la moglie lo raggiunge e gli dice che sta per uscire. Hector, non appena la moglie ha lasciato la casa, si avventura nel bosco per cercare la ragazza. La trova completamente nuda, in stato incosciente. Mentre cerca di capire cosa è successo, un uomo con la faccia coperta da una benda rosa lo pugnala al braccio con un paio di forbici. Fuggendo dal maniaco, Hector si ritrova in una specie di laboratorio, nel quale c’è uno strano macchinario.

Los Cronocimenes è uno dei migliori film sul viaggio nel tempo degli ultimi vent'anni.
Vigalondo non ha bisogno di presentazioni, qui tra l'altro firma una delle prime opere che si sono imposte anche grazie alla vittoria in svariati festival e aver messo d'accordo parte della critica ma soprattutto il pubblico.
Il perchè di questo successo va ricercato in diversi punti.
La scrittura fila ed è costipata di dettagli funzionalissimi per tenere incollato lo spettatore a fare attenzione ad ogni minimo dettaglio (e c'è ne sono davvero tanti a cui fare e odver fare attenzione). Il cast, con un protagonista, un uomo qualsiasi, che riesce proprio nella sua goffaggine e banalità di uomo medio ad essere tremendamente funzionale anch'esso e regalando anche inaspettate dose di humor. Una comicità che si sposa spesso con l'aspetto grottesco delle azioni e della vicenda.
Dicevo che mentre la sceneggiatura fila alla perfezione, il piano di Hector ad un certo punto ha qualcosa di ipnotico, quasi come se fosse diventato lui uno scienzato pazzo o un complottista paranoico che non ha modo di far capire cosa stia succedendo. I difetti dovessero esserci (magari guardandolo più volte), vengono camuffati molto bene dal regista e dallo scenografo.
Vigalondo essendo un autore a tutto tondo, scrive, dirige, monta, fa i salti mortali e infine interpreta il ruolo, quello dello scienziato, che gode all'interno del film di una caratterizzazione e una trasformazione interessantissima con diversi rimandi a Kafka in cui Hector, il protagonista, artefice invece rispetto allo scienziato del proprio destino, vive un inferno di cui non si vede la fine.
Un film davvero sorprendente, senza tanta azione am con un buon ritmo, vivendo di semplicità che alle volte riesce a essere inquietante e grottesca senza dover esagerare in nessun modo.


mercoledì 11 ottobre 2017

El Bar

Titolo: El Bar
Regia: Alex de la Iglesia
Anno: 2016
Paese: Spagna
Giudizio: 3/5

Costretti a vivere una situazione tragica rinchiusi all'interno di un bar, un gruppo di sconosciuti comincia a confidarsi l'un l'altro.

"Oggi più che mai abbiamo paura del dolore e della morte. Non ne parliamo neppure ai nostri figli perché sappiamo di non avere le risposte. Non la capiamo e, soprattutto, non vogliamo pensarci. Ciò causa un'insopportabile tensione che, presto o tardi, si fa riconoscere con esplosioni di incontrollata violenza o come una costante amarissima presenza nelle nostre menti."
Il terrorismo è in ognuno di noi. Alex de la Iglesia continua con le sue schegge impazzite e finalmente ritorna in scena anche lui con un film tutto ambientato quasi in un'unica location, uno schema corale e tanta azione soprattutto nel finale per un film che manco a dirsi di nuovo coniuga un mezzo filone fanta-politico.
Una miscela esplosiva in cui il regista spagnolo non va mai giù per il sottile ma infila i suoi topoi cinematografici grazie al suo sceneggiatore di fiducia Guerrica con cui confeziona un'opera feroce e graffiante, un equilibrato mix di generi che, tra gustosi istinti da commedia nera e grottesca e una violenza che rischia di sfociare nell'horror psicologico, dice la sua sulla decadenza morale nella società contemporanea, in particolare trovando in alcuni normalissimi personaggi delle storie e delle modalità che lasciano basiti per scelte e azioni irreversibili.

El Bar costruisce pian piano dinamiche sempre più interessanti e ferali, in cui il peggio degli individui viene alla luce con spietata crudeltà in un grottesco disseminarsi di ipotesi e colpi di scena che prima incuriosiscono e dopo lasciano con il fiato sospeso fino all'energica resa dei conti finale, lasciando trasparire dietro tutta la genuinità di genere l'importanza di un vibrante messaggio. Purtroppo forse l'unica pecca potrebbe essere quella di un finale tirato troppo per le lunghe e abbastanza scontato ma che d'altronde è tipica del cinema del regista che con quella punta di esagerazione finale che infila quasi sempre nei suoi film da sempre risultati roccamboleschi e imprevisti  

martedì 27 giugno 2017

Box 314: La rapina di Valencia

Titolo: Box 314: La rapina di Valencia
Regia: Daniel Calparsoro
Anno: 2016
Paese: Spagna
Giudizio: 3/5

Una piovosa mattina un gruppo di ladri professionisti assalta una banca di Valencia. Ciò che in un primo momento sembra essere una rapina pulita e facile, si complica quando la direttrice della filiale rivela il segreto nascosto in una delle cassette di sicurezza. Da quel momento, niente andrà come previsto.

Dopo GUERREROS Calparsoro si occupa del suo secondo lungometraggio, in un momento splendido, florido e di rinascita per il cinema spagnolo. Accompagnato da un cast di spicco tra cui emerge, anche se in minima parte, il carisma di Tosar (attore che sottolineo sta facendo incetta di film assieme al buon Mario Casas tant'è che sono i due attori spagnoli più lanciati del momento assieme a Antonio de la Torre).
Box 314 è un heist-movie ad alta tensione che parte molto bene regalando un assedio che non aspetta molto a diventare subito un pesante thriller con sotto testi narrativi che prevedono doppi giochi e manovre politiche spietate, soprattutto quando vengono messi in mezzo i servizi segreti corrotti. Le banche sono cambiate e alimentate da nuove forze e poteri, questo è solo uno degli aspetti che il regista decide di approfondire all'interno del film senza mai scavare però come andrebbe dal secondo atto in avanti nelle psicologie di alcuni personaggi principali cercando di caratterizzarli oltre il minimo indispensabile. Una scelta che si rivela funzionale solo per alcuni aspetti mentre su altri genera dubbi e qualche perplessità nella dinamica degli intrecci.
L'atmosfera e l'azione non mancano così come i colpi di scena ben dosati anche se la maggior parte andavano approfonditi di più con il risultato che alcuni di questi soprattutto avvicinandosi al climax finale sembrano piuttosto telefonati.
Buona la fotografia tutta virata sul grigio e sui toni scuri come a cercare di aumentare il clima pesante e soffocante che vivono gli ostaggi e gli ladri all'interno della banca, entrambi ad un certo punto topolini in gabbia di uno stesso labirinto che di fatto abbiamo aiutato a creare e sviluppare.