Visualizzazione post con etichetta Revenge. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Revenge. Mostra tutti i post

mercoledì 20 dicembre 2017

Revenge

Titolo: Revenge
Regia: Coralie Fargeat
Anno: 2017
Paese: Francia
Festival: 35°Torino Film Festival
Giudizio: 3/5

Jen, una lolita dei giorni nostri, viene invitata da Richard, il suo ricco amante, alla tradizionale battuta di caccia che l’uomo è solito organizzare con due amici. Lontana da tutto e immersa nello spettacolare scenario del Grand Canyon, la ragazza diventa presto preda del desiderio degli uomini e la gita prende una piega inaspettata…

«Si trattava davvero di simbolizzare la mutazione di un certo modo di rappresentare la donna al cinema, troppo sovente vista come semplice comprimario o come oggetto sessuale da svestire o sminuire. Inizialmente il film gioca con questo tipo di rappresentazione, spingendola però all’estremo fino a sfociare nella sua controparte brutale. A quel punto la protagonista diventa la vera figura forte del film, una supereroina donna e il motore dell’azione». Dopo la Ducournau ecco un'altra regista da tenere d'occhio.
Un Rape & Revenge frizzante e iperbolico di una bellezza visiva incredibile con una fotografia immensa che riesce a mettere in risalto anche le formiche che rosicchiano la ferita di Jen quando cade nel precipizio. Revenge semplicemente spinge l'accelleratore al massimo tra estetica patinata e gore spinto a manetta. A parte che l'opera prima di Fergeat sembra essere la risposta a quella parte dell’universo femminista che si limita a indignarsi o a protestare sui social media senza poi fare nulla di concreto. Qui la Lolita, una bellissima modella italiana poco conosciuta, si stacca il tronco dal corpo e cicatrizza tutto con la lamiera incandescente di un barattolo per citare RAMBO tra i più depredati all'interno delle ampie citazioni che la Farget non nasconde.
Revenge scorre davvero che è un piacere e deflagra in un duello finale tra il maschio Alfa e la rinata Femmina Alfa tecnicamente sopraffino ed esplicito oltre ogni misura dove uno dei traguardi più grossi riusciti alla regista è stato quello di riuscire a caratterizzare molto bene i protagonisti (4 per tutto il film) e a renderli, soprattutto gli uomini e soprattutto gli ultimi due arrivati a far così schifo e dare un quadro di quelli che sono ne più ne meno gli intenti borghesi e dove in tutto ciò finisce la donna. In questo la villa di Richard è perfetta per sintetizzare un sistema fasullo, superficiale, intriso di ipocrisia e alimentato da sopraffazione e violenza dove il trio, chiaramente, non poteva che essere fatto da cacciatori armati fino ai denti, nonché morbosi, corrotti e codardi.
Jen imbraccia il fucile e il deserto fa tutto il resto...