Visualizzazione post con etichetta It(2017). Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta It(2017). Mostra tutti i post

domenica 24 dicembre 2017

It

Titolo: It
Regia: Andy Muschietti
Anno: 2017
Paese: Usa
Giudizio: 1/5

Ottobre 1988, nella cittadina di Derry. Il piccolo Georgie esce di casa nella pioggia per far navigare la barchetta di carta preparatagli dal fratello maggiore Billy, costretto a casa dall'influenza. La barchetta scorre per i rivoli lungo i marciapiedi, ma finisce in uno scolo che conduce alla rete fognaria. Georgie, contrariato, si china a guardare nella feritoia e incontra lo sguardo del bizzarro clown che abita nelle fogne, Pennywise. Per quanto strano sia trovare un clown in quel luogo, Georgie si intrattiene con lui sin quando il clown non lo addenta e lo cattura portandolo giù con sé. Giugno 1989. A Derry vige il coprifuoco a causa delle numerose sparizioni di persone, soprattutto bambini.

E arriviamo ad uno dei film più attesi dell'anno destinato a dividere critica e pubblico.
Un altro remake o come sostengono in molti, la prima vera trasposizione del romanzo dopo trent'anni. Un'operazione che la mia generazione non voleva ma il marketing dello spettacolo sì ( la scelta di inserire tra i protagonisti Finn Wolfhard, STRANGER THINGS, per intenderci la dice lunga)
Cosa si può dire di un'opera che ha cambiato intenti e obbiettivi per cercare di dare visibilità pura ad uno dei mostri "cult" dell'horror: un alieno vestito da pagliaccio.
Visto ovviamente al cinema, ero curioso sapendo già che il film avrebbe avuto un sequel come per celebre miniserie.
Curioso vedere come Muschietti e soci (parliamo di un progetto che se lo sono trovati tra le mani in tanti con passaggi di regia e cambi all'ultimo e che dopo l'addio di Fukunaga faceva presagire qualcosa di non buono) avrebbero creato quel mondo mica così distante dalla realtà con protagonisti un gruppetto di fragili adolescenti.
Due errori sacrosanti sono stati commessi.
Pennywise rappresentava o meglio ha sempre rappresentato quell'orrore da cui non ci si poteva difendere che ti attaccava direttamente la psiche per rimanerci impresso come per Freddy Krueger. In questo caso il clown arriva sempre con dei jump scare che ancora ad oggi servono per il nuovo cinema horror a voler e dover essere spaventosi per pochi secondi a differenza invece di quelle espressioni di Curry che erano pura inquietudine. Con il primo intento si urla e poi si dimentica, con il secondo si prova paura, si rimane in silenzio e non si dimentica.
Questo It del 2017 spaventa facendo piombare il clown da un momento all'altro senza però stare a spiegare o approfondire alcuni intenti o alcune scelte ( avolte piomba così da un momento all'altro) e purtroppo tocca vedere Pennywise ne esce peggio di tutti pure dei ragazzini (mi spiace per l'ennesimo Skarsgard di turno).
La miniserie del '90 di Wallace era semplicemente disturbante, infatti il sangue e tanti elementi più horror erano centellinati per cercare di sforzarsi il più possibile sull'atmosfera e concentrarsi sulle storie e le paure reali dei bambini.
Il problema del romanzo (che non ho letto) è che è inadattabile per la nutrita serie di elementi e temi che lo scrittore racconta. La miniserie ci ha provato pur non riuscendoci del tutto ma almeno, soprattutto nella prima parte, qualcosa di veramente brutto sulla citta di Derry come per Twin Peaks c'è l'ha fatta annusare, oltre che regalarci la performance che ancora adesso non può conoscere rivali che è quella del mefistotelico Tim Curry segnando in maniera profonda l'immaginario collettivo della mia generazione.
It prima di tutto è il racconto di alcuni "losers", un gruppetto di ragazzini a cavallo tra l'infanzia e l'età adulta che si trovano di fronte a quella cosa indefinita che è il male del mondo dalle sue mille facce dal pagliaccio al ragno ai genitori e via dicendo. Qualcosa che a lungo hanno potuto ignorare ma che ora, che stan diventando grandi, devono affrontare e metabolizzare in qualche modo.
Vorrebbe essere un film di formazione, a tutti gli effetti, dove a differenza di Nightmare le colpe e il male erano generati dagli stessi genitori, qui anche se in forma meno diretta anche loro attraverso i bambini è come se non riuscissero a vedere i mali di Derry che sono poi i mali di ognuno di noi.
Il secondo errore sacrosanto è che in alcuni momenti Pennywise ha paura dei ragazzi, delle loro reazioni e allora in quel piccolo preciso punto, il film muore sotto ogni punto di vista.