Visualizzazione post con etichetta Horror. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Horror. Mostra tutti i post

giovedì 19 luglio 2018

Body Melt


Titolo: Body Melt
Regia: Philip Brophy
Anno: 1993
Paese: Australia
Giudizio: 4/5

Più vicende che vedono protagonisti alcuni personaggi legati fra loro da un unico filo conduttore: la vitamina Vimuville. Si tratta di un prodotto realizzato da un'omonima industria farmaceutica, mirato alla cura e al mantenimento del fisico. Una volta entrato in circolo nel nostro corpo, il Vimuville crea dapprima allucinazioni, per poi culminare con uno spaventoso effetto a catena che si sviluppa rabbiosamente all'interno dell'organismo, sciogliendo i corpi di chi ne ha fatto uso.

Tra i film che hanno reso interessante il sotto filone dell'horror Body bags è sicuramente il Melt Movie (film dove sono presenti liquefazioni di corpi) e figlio di quel Body Horror che tutti amiamo.
Un genere bizzarro e weird che sempre con sangue a profusione ha avuto una sua piccola filmografia dopo i successi dei primi due film di Jackson evidenti caposaldi del genere e dopo altre incursioni da parte per esempio degli orientali su tematiche simili come gli esperimenti sul corpo ad esempio in NAKED BLOOD dopo essere passati dalla lente di Tsukamoto per i suoi Body Horror.
Body Melt è un po Troma, soprattutto la parte dei bifolchi, è un po tante cose che ci raccontavano la vita e la "quotidianità" degli australiani.
Multinazionale farmaceutica, trasformazioni, palestrati impasticcati, nella galleria di elementi con cui Brophy farcisce il suo film per farlo diventare quella schifezza purulenta che tutti aspettavamo non si è davvero risparmiato niente cercando però fino all'ultimo di portare avanti anche la sua critica e la sua politica su quanto queste pasticche e gli interessi da parte di dottori e squali delle grosse aziende pensino solo ai profitti senza avere nessun tipo di riguardo nei confronti dei pazienti (la scena della donna incinta con il feto/poltiglia che attacca il marito è incredibile).
Le scene cult sono davvero troppe è inutile provare ad elencarle tutte.
Un cult con una messa in scena che ha dell'incredibile a partire dalla fotografia e dai colori sgargianti senza mai arrestare il ritmo del film ma anzi passando da uno scenario all'altro in cui le situazioni tragi comiche, quelle poche che ci sono, si susseguono senza sosta .
Un horror trash favoloso che a distanza di anni non perde nessun colpo, anzi e in cui le fantasiose scene splatter sono montate in maniera rapida e convulsa, con vorticosi ed improvvisi movimenti di macchina per sottolineare gli effetti letali della vitamina come succedeva in BABY BLOOD prodotto anch'esso anarchico e splatter uscito in Francia tre anni prima.

Ghostland


Titolo: Ghostland
Regia: Pascal Laugier
Anno: 2018
Paese: Francia
Giudizio: 4/5

In seguito alla morte della zia, Pauline e le sue due figlie ereditano una casa. La prima sera, però, degli assassini penetrano nella residenza e Pauline è costretta a combattere per salvare le sue figlie. Dopo la notte da incubo che hanno vissuto, le due ragazze reagiscono in maniera diversa e le loro differenze di personalità si acuiscono. Mentre Beth diventa una scrittrice di letteratura horror, Vera cade vittima di una paranoia distruttiva. Sedici anni dopo quella notte, la famiglia si riunisce nella casa da cui Pauline e Vera non sono mai andate via. Strani eventi iniziano allora a susseguirsi.

Laugier è uno di quei pochi registi europei in grado di arrivare a valicare i miei limiti di tollerabilità in un film come è stato MARTYRS senza eguali nell'horror contemporaneo post 2000.
Certo ci sono stati anche altri film horror ma spesso cadevano nel ridicolo e nel patetico cercando e rivelandosi alla fine come deludenti torture-porn o schifezze che cercavano di sembrare degli snuff-movie e in cui la violenza gratuita, che non accetto, regnava sovrana.
Il merito più grande del regista francese è stato quello di mettere in scena una violenza reiterata e gratuita a danno delle sue giovani protagoniste in diversi film in maniera davvero scioccante e come non si era quasi mai vista.
Incident in a Ghost Lake, produzione franco-canadese, è sì bello ma non ha davvero niente a che vedere con MARTYRS. In più Laugier ha purtroppo sperimentato come in America le sue idee venissero semplicemente tradotte con A TALL MAN, un thriller-horror interessante ma debole per un talento come quello del regista.
Con l'ultimo film abbiamo però sempre quella natura incontaminata del ritrovarsi in un incubo senza soluzione e forse anche da questo elemento, a dispetto dell'orrore cosmico, che viene citato il grande Howard Phillips Lovecraft (che peraltro ad un certo punto si materializza dotato di mascellona) dove è palese che siamo davanti a qualcosa che ci stupirà senza però come dicevo cadere nella trappola della violenza sanguigna che non è mai appunto gratuita ma che riesce a fondersi con il mistero della trama, non sempre accattivante, rendendo impossibile l'esistenza di una fine senza l'altra.
Ancora una volta per le due protagoniste vengono varcati i limiti della realtà ma anche della tollerabilità umana e psicologica dovuti e legati alla tortura e ai danni che consegue seguendo le protagoniste negli oscuri meandri della mente e dei meccanismi di autodifesa.
Qualcuno ha identificato un nuovo sotto genere dell'horror per definire film come questi.
Vengono chiamati nerve-racking ovvero film snervanti allo stato puro.



sabato 14 luglio 2018

Totem


Titolo: Totem
Regia: Marcel Sarmiento
Anno: 2017
Paese: Usa
Giudizio: 2/5

Dopo la morte in circostanze sospette della moglie, James sta faticosamente ricostruendo la sua vita insieme alla nuova compagna Robin, che decide di accogliere a vivere in casa sua insieme alle figlie Kellie e Abby. Con l’arrivo della donna nell’abitazione, l’unità familiare comincia a essere messa alla prova non soltanto dalla diffidenza di Kellie verso colei che ritiene una sostituta non all’altezza della madre, ma anche dall’insorgere di inquietanti fenomeni paranormali diretti verso la piccola di casa Abby, che a sua volta sembra in contatto con una sorta di entità spirituale.

Ormai senza guizzi di sceneggiatura e un minimo di capacità di scrittura il risultato sembra ormai scontato.
Il dramma familiare unito alla ghost story sono solo alcuni dei temi più sfruttati dalla lobby del cinema commerciale americano horror. Troppi prodotti con il risultato che i clichè e gli stereotipi fanno da protagonisti a dispetto di personaggi piatti e delle storie lacunose.
Ridicolo e scontato questo film di tal Sarmiento che dovrebbe guardarsi tanti horror per capire come dirigere e anche in questo caso come giocare meglio sui colpi di scena, dosare la suspance, etc.
In realtà la domanda più grossa del film credo che sia ancora motivo di mistero per la troupe e soprattutto per Evan Dickson che oltre ad essere lo sceneggiatore e anche uno degli attori. In più tutto il tema legato all'accettazione da parte delle due protagoniste della compagna di papà, anche se sembra proprio l'anima irrequieta della defunta moglie a non accettare la nuova arrivata, poteva essere curato di più con qualche caratterizzazione che non sembrasse così stereotipata.
L'idea che mi sono fatto visto questo pasticcio legato alla scrittura è quello che Dickson voleva forse omaggiare qualche tematica legata ai j-horror giapponesi visto che il tema sembra ricordarli molto.
Il risultato però è davvero pessimo..


giovedì 7 giugno 2018

Mayhem


Titolo: Mayhem
Regia: Joe Lynch
Anno: 2017
Paese: Usa
Giudizio: 4/5

Un virus trasforma gli avvocati di uno studio legale in belve sanguinarie, portando alla luce i loro istinti primordiali

Mayhem è quella scheggia impazzita che quando arriva è destinata a fare il botto almeno facendo discutere soprattutto gli appassionati del genere.
Ci sono tanti ingredienti mescolati funzionali ad aumentare le aspettative per questo strano indie che non ha avuto distribuzione nei cinema arrivando come sempre più spesso accade direttamernte in home video.
Un po fratello di BELKO EXPERIMENT e di altri film analoghi che giocano la carta di un'unica location per un massacro senza regole. Dal punto di vista dell'intrattenimento il film funziona alla grande senza lesinare sul sangue o sulla violenza ma anzi regalando scene epiche di massacri e combattimenti con ogni tipo di arma che si possa trovare all'interno di un ufficio.
L'elemento del virus che sembra per certi versi ricordare una costola meno purulenta di CROSSED un fumetto davvero cattivo, sta nel fatto che qui gli infetti hanno solo un occhio rosso e questa epidemia è destinata a liberare la parte animalesca degli esseri umani spingendoli a ogni genere di violenza, sopruso e comportamento anti-sociale
Il cast è funzionale, il protagonista orientale con la metafora sul lavoro e sullo sfruttamento che a volte gli orientali subiscono funziona soprattutto nelle scene di sudditanza arrivando a coinvolgere varie figure dagli gli arrampicatori sociali e puntando tutto su un'atmosfera di estrema competizione.
Un film dove dentro cerca davvero di metterci tutto con una grande abilità tecnica dietro dai rallenty un po abusati ma interessanti, al montaggio frenetico e le scene di combattimento davvero fatte ad hoc.

Downrange


Titolo: Downrange
Regia: Ryuhei Kitamura
Anno: 2017
Paese: Usa
Giudizio: 3/5

Sei studenti universitari devono andare ad una gara di cross-country. Ma la gomma della loro auto si buca e i ragazzi finiscono fuori strada, scoprendo in seguito che qualcuno ha sparato alla loro macchina. Capiranno presto di essere vittime di un essere invisibile che vuole tormentarli. Per quale scopo?

Kitamura è un regista insolito per il genere horror.
E'partito facendosi un discreto curriculum con alcuni film in Giappone tra cui VERSUS, AZUMI, ALIVE, ARAGAMI, insomma tutti con la A e tutti a loro modo abbastanza insoliti e folli.
Il passaggio in America ha siglato un cambio di rotta non soltanto nella scelta del cast occidentale ma cercando di essere meno "ironico", grottesco e per certi versi weird entrando invece più nel dramma vero e proprio. Nulla da dire infatti sui suoi film seppur ancora ad oggi abbastanza sconosciuti come PROSSIMA FERMATA L'INFERNO e NO ONE LIVES.
Con Downrange ci troviamo di fronte ad un indie low-budget che mischia volti sconosciuti, mattanza e un'unica location, insomma le tipiche condizioni di chi seppur non ha una grossa produzione dietro vuole a tutti i costi realizzare la sua opera.
E il risultato si vede perchè una caratteristica del regista è quella di non perdere di vista mai nessun dettaglio, nessuna inquadratura, un autore attentissimo a cercare di migliorare scena dopo scena a cercare l'inquadratura insolita e ha portare sempre piccole migliorie al suo cinema e alla sua filmografia.
Downrange non ha tanto da dire in termini di trama, non regala nulla e di fatto è una lenta carneficina dove un pazzo comincia a sparare a gente a caso per divertimento.
La metafora dietro c'è sempre in questa America che fa sempre più paura per tutti gli orrori che non riesce più a nascondere o forse non ha mai voluto.



mercoledì 9 maggio 2018

Marrowbone


Titolo: Marrowbone
Regia: Sergio G.Sanchez
Anno: 2017
Paese: Spagna
Giudizio: 3/5

Dopo la morte della madre, quattro bambini decidono di nascondersi in una fattoria dove però accadono fatti misteriosi.

Marrowbone è quel tipico film che aspetti e che non vedi l'ora di gustarti con un'attenzione minimale sapendo di trovarti al cospetto di quel tipo di horror che cerca di trovare spunti nuovi e interessanti, essendo indipendente e soprattutto un esordio alla regia e quindi finendo immancabilmente per avere così tante aspettative da riuscire difficilmente a portare a casa tutti i risultati.
E alla fine non si può certo dire che delude le aspettative ma non si può neppure dire che diventa quell'istant cult horror che come di consueto ogni anno prevede una ristrettissima cinquina di film (e mi sono tenuto largo).
Tanti i temi e gli ingredienti di questa opera prima.
Ghost Story, dramma famigliare, casa maledetta,"mostro" nel finale. Il problema grosso della sceneggiatura è legato al cambio strutturale e soprattutto degli intenti che muovono l'antagonista nel terzo atto. Tutta la suspance che si viene a creare e che ricorda tanto cinema orientale, è supportata da alcune buone prove attoriali e soprattutto l'atmosfera riesce a raggiungere dei buoni momenti anche quando non si confronta propriamente con l'horror ma solo con il dramma famigliare (tutta la parte dove devono nascondere il cadavere della madre). Tutta questa suspance legata poi al segreto misterioso che finalmente apprendiamo, sembra sgretolarsi con il finale che mostra tutto e lo fa pure in maniera alquanto discutibile e mi spiace dirlo deludente anche se alcune scene d'azione sembrano costruite appunto per avere quei jump scare assenti nella parte precedente.




Ash vs Evil Dead


Titolo: Ash vs Evil Dead
Regia: AA,VV
Anno: 2018
Paese: Usa
Stagione: 3
Episodi: 10
Giudizio: 3/5

Ash e Pablo hanno aperto un negozio di ferramenta a Elk Grove dove la fama di eroe che Ash ha tra la popolazione locale gli garantisce un costante successo. Una donna trova il Necronomicon e lo porta in un programma televisivo di vendita dell'usato nella speranza di raccimolare un po' di soldi, ma quando il conduttore del programma legge le scritture del Necronomicon risveglia il male, poi arriva Ruby che lo uccide e prende il Necronomicon. Candace va da Ash per dirle che la loro figlia, Brandy, è in pericolo. Ash durante una folle notte di cui a stento ricorda, aveva sposato Candace, e a sua insaputa l'aveva messa incinta. Candace gli spiega che il male minaccia sua figlia che ora si trova al liceo di Kenward County, infatti anche Pablo conferma che il male si è risvegliato perché sul suo corpo sono ricomparsi i segni del Necronomicon. Ash, Candace e Pablo vanno al liceo di Kenward County per salvare Brandy e la sua amica Rachel, infatti il male ha preso possesso della mascotte della scuola. Ruby beve il suo stesso sangue dopo averlo usato per bagnare una pagina del Necronomicon, e dal sua ventre inizia a crescere qualcosa. Rachel, posseduta dal male, decapita Candace nel tentativo di uccidere Brandy prontamente salvata da Pablo. Ash uccide Rachel con un'arpa, poi viene aggredito dalla mascotte ma viene salvato da Kelly, appena tornata insieme a un ragazzo di nome Dalton, che appartiene a un ordine che combatte il male, i "Cavalieri di Sumeria", il quale si dimostra eccitato all'idea di conoscere il famoso Ash Williams, ed è desideroso di aiutarlo nella lotta contro il male che si è appena risvegliato.

L'idea del perchè e del per come si cerchi in tutti i modi di trovare una continuità per una storia che sin dal primo episodio della prima stagione lasciava decisamente perplessi è un mistero.
Siamo al capolinea. Tre stagioni volate con un ritmo e una quantità di sangue che non vedevo da tempo. Una serie, un cartoon in live action, che non si può dire brutta, ma che fa della sua auto ironia e della sua ingenuità le armi principali con cui il buon Bruce Campbell si confronta e ci mette tutto se stesso portando avanti da solo o comunque più degli altri l'intero progetto senza mai perdere quella sintonia che padroneggia benissimo per un personaggio cult come quello di Ash Williams.
Tanti i piani narrativi i viaggi nel tempo e tante le scelte che potranno apparire dalle più ovvie alle più scontate ma anche con quei momenti epici e quei deliri splatter che mai ti aspetteresti (la scena del bambino che entra nel corpo della donna è davvero deliziosa) trovando una forza che gli permette di goderci semplicemente quello che accade senza troppi problemi.
Ritorna Rudy (in realtà non se ne mai andata) e la sua instancabile ricerca del Neonomicon, ritorna il padre di Ash che gli rivela di questa persona uccisa per sbaglio che voleva mettersi in contatto con il figlio e che aveva le pagine mancanti del Neonomicon che si ricollegerebbe con l'incipit del film di Raimi. Poi c'è il personaggio della congrega abbastanza inutile infatti sparisce quasi subito.
Sia Pablo che Kelly vengono posseduti e il primo colpito dalla figlia di Ash, la vera new entry della serie, con il pugnale Kandariano, viene ricollegato ad un piano onirico dove sembra esserci questa sorta di rituale vodoo. Infine a chiudere i battenti abbiamo i cavalieri di Sumeria tra i buoni e gli Oscuri tra i cattivi (che ricordano non poco i Cenobiti).
Insomma elementi e ingredienti c'è ne sono a gogò. Si ride e gli episodi partono sempre con una testa sgozzata o la fuoriuscita di budella ma alla fine rimane poco su cui e con cui confrontarsi.
Rimane un prodotto commerciale e godereccio, apocalittico e anarchico come pochi osando ovunque senza limiti e termini di decenza e regalando infine uno show con un ritmo frenetico.



It cames from the desert


Titolo: It cames from the desert
Regia: Marko Mäkilaakso
Anno: 2017
Paese: Finlandia
Giudizio: 2/5

Un gruppo di formiche giganti invade il New Messico. Un gruppo di persone deve cercare di mettersi in salvo.

It cames from the desert sembra una brutta versione di qualcosa che potrebbe assomigliare ad un film della Troma mischiato con i sequel di TREMORS. Il risultato è ad un passo dall'Asylum.
Videogiochi dell'amiga, b-movie, trash e in parte exploitation sono ancora parte degli ingredienti di questo film che nonostante il divertissement che poteva dare, non riesce mai a decollare sfigurando di fronte a film come ARACK ATTACK (e credo di aver detto tutto).
Purtroppo la trama è di una banalità assurda, i protagonisti sono ad un passo dalla cretineria più pura stereotipati in maniera assurda e i non sense del film pur essendo in parte giustificati dal genere non solo non esaltano ma non divertono neppure.
Un "Creature Features" ma di quelli brutti dicevo, dove c'è così tanta povertà in tutti i campi mezzi e sensi che prima di vedere queste famigerate formiche (d'altronde lo spettatore solo quello aspetta) dobbiamo quasi arrivare al secondo atto.
Purtroppo pur essendo un film d'intrattenimento e gigioneggiando con intelligenza fra scene splatter in puro stile videloudico, non riesce nonostante gli omaggi e i riferimenti a tenere a galla il film, che risulta deficitario in molti altri aspetti.




domenica 22 aprile 2018

Bride



Titolo: Bride
Regia: Svyatoslav Podgayevskiy
Anno: 2017
Paese: Russia
Giudizio: 3/5

Una giovane donna in procinto di sposarsi deve fare i conti con una famiglia che manifesta comportamenti molto strani e inquietanti.

Di solito i russi non prediligono l'horror o meglio non fanno paerte di quei paesi così affezzionati al genere. Tuttavia quando prova alcune incursioni sul tema riesce alle volte a sorprendere con alcuni film interessanti come il pasticciato remake VIY, CARGO 200 e il pesantissimo PHILOSOPHY OF A KNIFE (tuttora una delle pellicole più pesanti mai viste).
Con Bride il taglio è decisamente più commerciale. Fantasmi+Casa "stregata"+Folklore popolare e antichi rituali cristiani. Il risultato è un film che nel primo atto ha una misuratissima atmosfera con un ritmo lento e una profondità di campo con il compito di immergere lo spettatore in quella che sembra una tradizione piuttosto desueta anche in Russia.
Dal secondo atto in avanti il film velocizza il ritmo, i jump scare sono tanti e abbastanza misurati e l'idea generale è di un buon film che non ha nulla da invidiare al confronto con altre produzioni coadiuvati da budget faraonici.
Alternando sequenze ambientate nell'ottocento con una messa in scena contemporanea (il film è ambientato ai nostri giorni) narra di questa strana pratica in cui venivano fotografati i cadaveri per ricordarli e perché i loro spiriti rimanessero a vegliare sui congiunti; essi però sono catturati dall’obiettivo della macchina fotografica con le palpebre chiuse e, sopra, degli occhi disegnati.
The Bride grazie anche a delle buone prove attoriali e una messa in scena efficace è quella dark story tipicamente russa, abbastanza indipendente e sconosciuta (non avrà mai una distribuzione da noi) capace di sinistre suggestioni e di muovere qualcosa di nuovo a diffferenza della moltitudine di film sul genere che vantano numerosi sequel e prequel forse eccessivi che spesso sottolineano l'intento commerciale e non quello narrativo raccontando in fondo sempre le stesse cose.

Slither


Titolo: Slither
Regia: James Gunn
Anno: 2006
Paese: Usa
Giudizio: 4/5

Un piccolo asteroide cade nei pressi di una cittadina americana: ospita una creatura mostruosa che per crescere e riprodursi deve essere incubata da un corpo umano, corpo che stavolta ha le non troppo rassicuranti fattezze del redivivo Michael Rooker. Il contagio si diffonde e gli "eroi per caso" della situazione devono cercare di scappare dalla città. Ma non sarà facile...

Slither è un piccolo cult. Trasgressivo, accattivante pieno di ritmo, di trovate, di mostri memorabili e soluzioni tragicomiche. Un grande intrattenimento che mischia trash, weird, grottesco, splatter, qualsiasi cosa purulenta e una sovraesposizione di gore. Gunn tira fuori un film veloce, dinamico, perfettamente bilanciato e studiato nella struttura che gode e si avvale di un montaggio che non lascia mai un momento morto. Sicuramente uno degli horror più interessante degli ultimi anni che mi spiace aver recuperato solo ora. Gunn conferma il suo talento arrivando dalla scuola Troma e si vede eccome anche se il film riesce a virare anche in siatuzioni molto più complesse chiamando in cattedra Lovecraft e Yuzna.
Un film che nelle sue numerose citazioni sembra voler omaggiare quel blood & gore degli anni '80, di quegli horror estremi e ipertruculenti ormai non capita più di vedere oppure vengono esageratamente devastati dalla c.g che appare fasulla e controproducente. Qui invece si respira proprio quel marciume che risuciva ad infastidire a far provare quel senso di schifo che Michael Rooker indossa alla perfezione. Un ultima nota sull'inizio che già determina un punto in avanti nella scrittura con il vecchio pieno di soldi che sposa la giovane gnocca della città che tutti si vorrebbero fare ma che invece possono solo restare a guardare. Un inzio già col botto.

domenica 25 marzo 2018

Masks


Titolo: Masks
Regia: Andreas Marschall
Anno: 2011
Paese: Germania
Giudizio: 3/5

Dopo essere stata respinta da numerose accademie d"arte drammatica Stella, aspirante giovane attrice di Berlino, viene accettata alla scuola Matteusz Gdula fondata negli anni 70 da una insegnante dai metodi poco ortodossi. L"ambiente è piuttosto ostile e l"unica amica di Stella sembra essere Cecile un"allieva che non abbandona mai l"edificio in cui si trova la scuola. Stella assiste inoltre a strani avvenimenti come sparizioni, rumori inquietanti e un"ala della scuola che rimane chiusa sempre a chiave.

Masks deve molto al nostro cinema neogotico nonchè ad alcuni maestri come Fulci e Argento.
Il perchè è chiaro e il regista non lo nasconde neppure. Diventa tutto il marchingegno che porta avanti i tasselli del film, gli omicidi in particolare, abbastanza sanguinolenti e una soundtrack dalle sonorità elettroniche sempre presente e potente che conferisce maggior atmosfera e ritmo nelle scene d'azione.
Un'opera giocata in poche location e con una fotografia cupa che cerca di conferire maggior risalto all'atmosfera generale tutta giocata come dicevo su degli omicidi comunque abbastanza feroci.
Il solo limite del film tedesco è quello di richiamare troppo appunto i gialli anni '70, diventando presto un esercizio di stile che cita il nostro cinema di genere senza però riuscire a dare una sua anima e originalità al film, un pericolo sempre più presente nel cinema di genere.




martedì 20 marzo 2018

Sangue di Cristo


Titolo: Sangue di Cristo
Regia: Spike Lee
Anno: 2015
Paese: Usa
Giudizio: 3/5

Quando al dottor Hess Green viene introdotto un misterioso artefatto maledetto da un curatore d'arte, Lafayette Hightower, viene incontrollabilmente attirato da una nuova sete per il sangue che travolge la sua anima. Tuttavia, non è un vampiro. Lafayette soccombe rapidamente alla natura vorace di questa sofferenza che trasforma Hess. Presto la moglie di Lafayette, Ganja Hightower, va in cerca del marito e viene coinvolta in una pericolosa storia d'amore con Hess che mette in discussione la natura stessa dell'amore, della dipendenza, del sesso, e dello stato della nostra società apparentemente sofisticata.

L'ultimo Spike Lee Joint è stranamente un horror. Un thriller, un dramma con risvolti erotici.
Un'opera abbastanza fuori dagli schemi per quanto concerne l'approccio che l'autore disegna e a cui fa sfondo la vicenda. Un altro film molto bello è uscito negli ultimi anni che parla di vampiri in salsa black, l'indie TRANSFIGURATION.
Un altro film black che tratta quindi il vampirismo come metafora dell'integrazione razziale. Mentre nell'altro film il protagon era un ragazzino qui sono gli adulti.
GANJA & HESS è, infatti, un oscuro film horror della Blacksploitation datato 1973 che il nostro ha deciso di “rifare”, con il titolo Da Sweet Blood of Jesus (Il sangue di Cristo).
Film a bassissimo budget girato in due settimane e supportato dalla tecnica del crowdfunding.
Premetto che quando ho sentito parlare del pugnale di Ashanti non ho resistito a quella monumetale scena dove veniamo a conoscenza di questocoltello nel film IL BAMBINO D'ORO e dove Eddie Murphy prendeva in giro la spiritualità tibetana.
Tantissima musica molto diversa e con temi e atmosfere che cambiano di scena in scena senza di fatto lasciare quasi mai il film senza qualche brano che lo caratterizzi. Una scelta singolare dal momento che diverse scene giocano sull'atmosfera e sulla suspence sospendendola così in alcuni casi o dandole un intento diverso proprio a causa di questo cocktail di generi musicali.
Elegante e raffinato, dai costumi alle scenografie, Lee dimostra una scelta estetica di ampio gusto che riesce ad essere funzionale in tutta quanta l'opera.
Un'opera che cerca di essere onirica, con rimandi per alcuni versi alla cultura e alcune profezie vodoo, l'ipnosi, cercando spesso di deviare sul surreale, riuscendoci, ma non sempre soprattutto nell'ultimo atto, leggermente approssimativo e chiudendosi come fa con il triangolo di personaggi in un circolo vizioso da cui ne uscirà trascinandosi in una pozza di sangue tra presunta disperazione e un’insistita vena erotica glamour che non riesce così bene a gestire.



lunedì 19 marzo 2018

Annihilation


Titolo: Annihilation
Regia: Alex Garland
Anno: 2018
Paese: Usa
Giudizio: 2/5

Una biologa, il cui marito partecipa a missioni militari segrete, è disperata per il suo mancato rientro. L'uomo finalmente torna a casa ma non sa però spiegare cosa gli sia successo, non ricorda niente e sta misteriosamente male. La biologa verrà così a conoscenza di un'anomalia verificatasi anni fa e tenuta segreta: un'area da cui nessuno ha mai fatto ritorno tranne appunto suo marito, che sembra però prossimo a morire. Decide così di affrontare questo enigma e partecipa alla prossima spedizione, insieme ad altre quattro donne, ognuna esperta in un diverso campo scientifico.

Annihilation è uno di quei film che per forza di cose farà discutere. I motivi sono tanti a partire dal fatto che è tratto dalla trilogia di uno scrittore schizzato e originale che spero arrivi tradotto da noi per quanto concerne il resto della sua bibliografia.
Un film Netflix pubblicizzato, almeno qui a Torino, in maniera inquietante facendoti quasi passare la voglia di vederlo.
Un film che porta la Portman su un palmo della mano come a dire che effettivamente nel film esiste solo lei e Oscar Isaac che recita Isaac Oscar.
Un film molto lento con un ritmo che spesso frena ogni tensione e atmosfera soprattutto per le pedanti scene di coppia tra i due protagonisti.
Questi e altri motivi rendono difficile il giudizio per un film che probabilmente avrà due sequel ammesso che la macchina funzioni a livello di botteghino.
Ci sono stati alcuni cambiamenti drastici come la scelta delle protagoniste che nel libro non sono bianche ma di etnia differente e altri motivi che il regista di EX MACHINA ha voluto subito rivelare quasi per non essere attaccato da critiche di ogni sorta.
Rimane un film frammentato da una realizzazione che definirei veloce e sbrigativa come quando cerchiamo di capire che cosa sia realmente questa entità che prende forma. La parte filosofica del film in alcuni momenti cerca di scavalcare la narrazione diventando un esercizio di stile coadiuvato da un importante lavoro col sonoro (ma Garland non è Villeneuve) e la stessa minaccia che mi ha fatto pensare al nulla della storia infinita per quanto potente e suggestiva come idea viene messa da parte come se da un momento all'altro ci si aspettasse una reazione che di fatto avviene solo nel climax finale dalla biologa spaventata che non può o non vuole accettare questa entità.
Un film che nella parte tecnica attinge a una messa in scena senza passi falsi e con alcune scelte estetiche e una fotografia molto costosa e in alcuni momenti, quando l'azione centellinata fa capolino, qualche cosa di buono il film soprattutto con le bestie cerca di portarlo a casa (anche se il lupo parlante che chiede aiuto è sul filo del rasoio tra l'horror e la trashata dell'anno).
Forse è una di quelle operazioni complesse che il cinema per fretta e bisogno di soldi vuole veder crescere troppo in fretta senza aspettare o rispettare alcune fasi fondamentali.
Annihilation è così, ha tante cose che non funzionano ma non si può dire che è proprio brutto.

Essi vivono


Titolo: Essi vivono
Regia: John Carpenter
Anno: 1988
Paese: Usa
Giudizio: 5/5

John Nada giovane disoccupato e vagabondo arriva a Los Angeles dove trova lavoro all’interno di un cantiere edile. Qui conosce Frank un altro operaio che lo fa alloggiare a Justiceville una baraccopoli situata ai margini della città. In seguito Nada, dopo che la polizia avrà sgomberato la bidonville, troverà in una scatola di cartone un paio di occhiali da sole in grado di fargli vedere il mondo in una luce completamente diversa.

Super cult o meglio capolavoro intramontabile che ancora oggi, o forse soprattutto oggi, non perde nulla del suo fascino, del suo carattere distopico e complottista smascherando con un metaforone geniale, i mali della nostra società.
Come fare per vedere il consumismo che avanza in una società inghiottita dalle pubblicità? Carpenter, uno dei più grandi registi al mondo, segna un punto importantissimo della sua già memorabile carriera e lo fa con un film che pur sembrando un giocattolone è di una cattiveria impressionante senza lesinare su stragi e omicidi.
I cari giustizieri reazionari yankees qui vengono ridicolizzati da un senza tetto che non avendo niente da perdere diventa il simbolo della ribellione contro il consumismo imperante, la corruzione, le multinazionali e tanto altro ancora.
Una metafora sulla condizione che in quegli anni si stava andando a conformare a danno di una popolazione ormai resa patologicamente dipendente da ciò che lei stessa ha contribuito a creare e veder nascere.
Essi Vivono è uno dei film manifesto della fine degli anni '80. Uno dei film di fantascienza più importanti e rivoluzionari della storia del cinema che abbracciando un formato da giocattolone diventa davvero brutale nel cercare di convertire l'umanità al dio denaro.
Straordinario e inarrivabile. Un film che a distanza di anni non perde un colpo anzi ne aggiunge diventando quasi una profezia per chi riesce a indossare gli occhiali senza sparare un colpo.
Il filosofo e psicanalista sloveno Slavoj Zizek ha definito il film un «capolavoro dimenticato della sinistra hollywoodiana». Secondo Zizek infatti «gli occhiali da sole fungono da critica dell’ideologia. Essi ti permettono di vedere al di la di tutta la propaganda, lo sfarzo, i poster e così via. Quando indossi gli occhiali da sole vedi la dittatura nella democrazia, l’ordine invisibile che si sorregge su una libertà apparente».



Tragedy Girls


Titolo: Tragedy Girls
Regia: Tyler MacIntyre
Anno: 2017
Paese: Usa
Giudizio: 2/5

Due ragazze decidono di aumentare la loro influenza sui social rapendo un famoso serial killer e facendosi insegnare da lui come si fa ad uccidere

Tragedy Girls è uno degli horror più brutti che abbia visto negli ultimi mesi.
Il perchè è riassumibile in due frasi. Storia che non ha senso esagerando sotto tutti i punti di vista e una recitazione così forzata e sopra le righe da rendere tutto inutile e scontato.
La sceneggiatura purtroppo fa acqua da tutte le parti e l'idea alla base poteva non essere così male soprattutto di questi tempi dove il potere del like porta adolescenti e adulti a fare qualsiasi cosa.
Proprio per questo motivo il plot scritto dallo stesso regista a quattro mani non riesce mai a dare una svolta ma anzi sembra rinchiudersi nel suo stesso ego provando una mossa difficilissima nell'horror che è quella di far ridere sfruttando il grottesco e lo humor nero. Qui non solo non si ride ma le due protagoniste, quasi sempre mezze nude e con dei buchi di sceneggiatura su come riescono a farla franca che meriterebbero delle riposte, sono davvero insopportabili.
Un horror brutto che cerca di essere furbetto andando oltre e arrivando a piazzare i media in un modo squallido e anti funzionale per non parlare del vero killer dell'inizio nascosto dalle due protagoniste nello stanzino...
Tragedy Girls è un film così stelle e striscie che può piacere solo ai figli di una borghesia annoiatissima che si trastulla con il sangue e lo humor che non farebbe ridere nemmeno un bifolco ma peggio. Qui i ragazzetti viziati meritano, assieme al regista che spero ritorni a scuola, di finire nel bosco in un tranquillo weekend di paura ovviamente con i cellulari alla mano

mercoledì 7 marzo 2018

Veronica


Titolo: Veronica
Regia: Paco Plaza
Anno: 2017
Paese: Spagna
Giudizio: 3/5

Madrid, 1991. Una ragazza adolescente si ritrova assediata da una forza soprannaturale malvagia dopo aver giocato a Ouija con due compagni di classe.

Ormai il sotto filone dell'horror sulle possessioni ha raggiunto una filmografia sconfinata soprattutto se si pensa ai prodotti americani spesso abbastanza simili, quasi tutti ridicoli e con pochi spunti originali alla base.
Paco Plaza per chi non lo conoscesse è uno dei nomi più interessanti del panorama spagnolo spesso in coppia con Jaume Balaguero.
Questo suo sconfinamento sulla possessione peraltro legata ad un gioco che tiene intrappolate altre citazioni e similitudini riesce nonostante tutto a sganciarsi in maniera abbastanza astuta da altri prodotti commerciali per una messa in scena e una psicologia dei personaggi attenta e funzionale.
Certo non gridiamo al capolavoro ma non doveva e non voleva esserlo. Si apre in medias res mostrandoci di fatto il finale e narrando poi tutta la vicenda che gioca bene le sue carte partendo anche dalle location su cui si concentra (casa, scuola, bar) in uno scenario urbano che ormai grazie al cinema spagnolo conosciamo piuttosto bene.
Veronica è una storia di formazione in un ambiente e una vicenda che riesce ad essere molto realistica soprattutto nella parte in cui proprio la protagonista deve prendersi cura dei fratelli senza però di fatto sostituirsi alla madre. Con una bella scena in cui ci viene mostrata l'eclissi lunare che converge dal punto di vista filologico sulla narrazione fanno capolino in questa tragedia che consumiamo lentamente pur sapendo come andrà a finire, una suora che pur esagerata nella caratterizzazione (suor "morte"non vedente, che fuma e sente le presenze) riesce ad ampliare quella sorta di atmosfera da brivido che tocca i punti più alti con la comparsa del padre defunto della ragazza.
Una messa in scena forte per uno stile libero e selvaggio con un ritmo ben bilanciato, attrici in parte (ottimo il lavoro con l'adolescente e i bambini) e alcuni twist soprattutto finali decisamente efficaci per una vicenda che parte da alcuni casi veri e risolti dalla polizia verificatisi nei quartieri operai della capitale spagnola negli anni '90
Plaza conferma il suo talento e la capacità di muoversi nel sotto genere senza difficoltà, certo non raggiungendo i fasti del capolavoro di REC ma rimanendo una promessa e uno dei registi indiscussi del new horror europeo soprattutto spagnolo in questo caso regalandoci un'altra riflessione e metafora di come in fondo l'idea che tutti i demoni e le creature temibili nascano prima di tutto nel cervello umano.

Pet Shop of Horrors


Titolo: Pet Shop of Horrors
Regia: Toshio Irata
Anno: 2002
Paese: Giappone
Stagione: 1
Episodi: 4
Giudizio: 3/5

Benvenuti... nel negozio di animali del Conte D. Qui sono raccolti oggetti rari e preziosi, che vanno oltre a ciò che gli uomini possono credere o immaginare... Daughter I genitori degli esseri umani sono davvero capaci di un amore profondo nei confronti dei figli! Delicious Mi chiedo... dove risieda, nel pianto di una donna, la linea di confine che separa le lacrime autentiche da quelle mendaci.

Tratto da un manga di successo, "Pet Shop of Horrors" è un anime horror molto raffinato che punta più sull'atmosfera e l'esoterismo che su espliciti contenuti splatter.
Purtroppo da noi sono arrivate edizioni mozzate come queste che propongono il quarto episodio della prima stagione senza un finale come a castrare di fatto la conclusione di quella che scopro essere solo la prima serie arrivata distribuita da noi.
La storia racconta di un peculiare negozio nella Chinatown di Los Angeles, dove il Conte D (una specie di androgino) vende animali di ogni tipo ai suoi clienti e che si scontrerà immancabilmente con il poliziotto di turno che vede misteri e complotti ovunque. In realtà non è proprio uno scontro dal momento che entrambi in diversi casi lavoreranno assieme per cercare di frenare le azioni dell'animale liberato. Finché il Conte D. si limita a vendere animali, non ci sarebbe alcun problema, ma vende anche altre creature con fattezze umane che fanno tutto, fuorché del bene al proprietario. Il compratore, una volta acquistato l'animale, deve soddisfare le tre clausole previste dal contratto che, in alcuni casi, cambiano, ma obiettivamente sono sempre le stesse: dare da mangiare all'animale solo il cibo consigliato, non mostrarlo ad altre persone, non lasciarlo solo per troppo tempo, ergo non trascurarlo. Se, per un motivo o per un altro, il compratore non dovesse rispettare queste clausole, il negozio non si assumerebbe alcuna responsabilità e ciò che lo attende sarebbe un triste destino (l'analogia con i GREMLINS è inevitabile).
Una morale dietro ogni vicenda che di fatto sigla e pone alcuni istinti primordiali dell'uomo e non solo, quasi come una sorta di Decalogo dei Dieci comandamenti solo che qui sono 4 come gli episodi autoconclusivi.


martedì 27 febbraio 2018

Cold Skin


Titolo: Cold Skin
Regia: Xavier Gens
Anno: 2017
Paese: Spagna
Giudizio: 3/5

Un giovane irlandese accetta l'incarico di trascorrere un anno su un'isola vicino al Circolo Antartico per osservare le condizioni meteorologiche del luogo. Convinto di essere solo, scoprirà presto che sull'isola ci sono altre creature poco ospitali con lui

Gens è uno dei quei registi della new-horror che più mi garbano assieme a Weathley, Du Welz, Mo Brothers, Marshall, Laugier, Balaguero, Bustillo e i due fratelli israeliani più tanti altri nomi.
Per un attimo avevo paura che c'è lo fossimo persi da qualche parte accettando lavori di ripiego come CROCIFIXION e la firma a quella fetenzia di nome HITMAN.
Gens è da sfruttare per altre cose come questo lavoro che seppur derivativo, segna un importante passo in avanti nell'avanscoperta su un genere quanto mai brulicante di elementi nuovi.
Si torna a scomodare il maestro dell'orrore cosmico anche se qui le triangolazioni sono minori rispetto agli ultimi horror crepuscolari che hanno deciso di omaggiare il maestro di Providence.
Una dark story fantasy che se non fosse per l'assedio delle creature sembrerebbe fin troppo reale smarcandosi tra intrecci letterari con tantissimi riferimenti soprattutto ai classici.
Alla fine più che l'incontro col mostro, è la storia di un approdo e della solitudine su un'isola perduta tra due uomini e una creatura femminile che sembra aspettare che siano gli altri a scegliere per lei e per gli altri.
Forse è una delle prime volte nel cinema conosciamo un osservatore metereologico che per dimenticare il passato decide di isolarsi alle prese con eventi naturali e incredibili che riflettono e minano la sua identità e interiorità arrivando presto a scoprire e qui il messaggio che arriva fumoso e confuso che queste creature erano gli abitanti di quell'isola e che ancora una volta l'uomo bianco come per gli indiani gli ha sterminati per i propri interessi.
Un film che con un budget misurato e dei buoni effetti speciali (il make up è ottimo) poteva certamente dare qualcosa di più in termini di storia a differenza invece di una messa in scena elegante e in grado di trasmettere anche se non come mi immaginavo una buona dose di tensione ed empatia soprattutto per quanto concerne il rapporto con Aneris.



Ritual


Titolo: Ritual
Regia: David Bruckner
Anno: 2017
Paese: Gran Bretagna
Giudizio: 3/5

The Ritual parla delle vicende di Phil, Dom, Hutch e Luke, un gruppo di amici che decidono di fare un viaggio in Svezia per onorare la morte di Rob, amico del gruppo rimasto ucciso durante una rapina sei mesi prima e con il quale stavano organizzando questa vacanza. Il viaggio, per quanto faticoso, procede bene finché Dom non si fa male al ginocchio e, per cercare di tornare al rifugio di montagna più vicino, optano per prendere una scorciatoia che farebbe risparmiare al gruppo parecchio tempo. Una scelta che ovviamente catapulterà il gruppo in un vortice di orrore, mettendo alla prova tanto il loro istinto di sopravvivenza quanto l’amicizia che li lega.

Ritual fa parte di quelle orbite nell'universo Netflix che dopo una prima occhiata non capisci se ti è piaciuto, cosa Netflix abbia visto nel film e perchè potesse piacere al suo pubblico e infine che cosa vuole realmente essere il lavoro di Bruckner.
Di certo non è un brutto film ma nemmeno comparabile con alcuni horror robusti e strazianti che abbiamo visto ultimamente.
Un film che sembra più un horror psicologico dove il montaggio riesce a ritagliarsi anche alcuni momenti ben riusciti come lo stacco sul supermercato in mezzo al bosco (un bel flash) e un intrattenimento che di certo non manca soprattutto quando vediamo alcuni segnali che potrebbero far pensare a rituali magici, sette o altri meccanismi ben oliati dalla cinematografia.
Qui invece arriva un mostro enorme che spalanca le braccia in segno di preghiera verso la grande madre.
La scena pù bella rimane quella nel bosco (tra l'altro tutte le scene sono girate in Transilvania) dove ad un tratto il protagonista osserva in mezzo agli alberi e fa la scioccante scoperta, mentre a mio avviso il finale andava lasciato aperto mentre questa sorta di revenge che poi proprio così non è lascia quell'amaro in bocca come ad aver scelto la strada più semplice e funzionale soprattutto in termini di happy ending.


Mom and Dad


Titolo: Mom and Dad
Regia: Brian Taylor
Anno: 2017
Paese: Usa
Giudizio: 2/5

Una ragazza adolescente e il suo fratellino devono sopravvivere a 24 ore di terrore quando i genitori cominciano a impazzire e si rivoltano contro i figli. Molto violentemente.

I film con Nicolas Cage quando dietro non hanno un regista solido e affermato che cerchi di calmare l'estro e l'ego di Cage hanno tutti una caratteristica comune: la fretta di girarli, montarli, interpretarli e pensarli.
In questo caso Mom and Dad con una buona campagna pubblicitaria sul web cercava di fare quello che COOTIES con mezzi analoghi è riuscito a fare diventando una piccola perla per il genere.
Qui abbiamo un inizio bomba che fa sperare in un grang gruignol di sangue e frattaglie quando invece i toni grotteschi e l'impianto narrativo è solo un pretesto frettoloso per parlarci dell'ennesimo virus che fa in modo che i genitori uccidano i figli e infine ovviamente i nonni che uccidono i genitori in un giro che si morde da solo senza nessuna connessione logica.
Tutto questo poteva essere materiale interessante per esaminare tutte le possibilità che un'idea così carina meritava di far fuoriuscire. Invece il risultato è quello di aver lasciato a briglia sciolta l'intero cast che improvvisa e fugge spaventato da se stesso afferrando qualsiasi arma o accessorio alla portata di mano per colpire chi o cosa si ponga di fronte.
Genitori vs figli poi poteva avere uno humor nero assoluto che qui i dialoghi uccidono subito senza dar prova di avere capacità di scrittura o la voglia di puntare su qualcosa di un minimo originale.
Un'altra buona idea lasciata appassire così velocemente che non si ha neppure il tempo di capire che cosa sia andato storto sicuramente l'idea dell'onda radio già sfruttata nel brutto THE CELL non ha aiutato ma l'idea come insegna ad esempio il buon Palahniuk in Ninna Nanna può davvero essere interessante e originale con la logica che deve essere assimilata però anche dal regista.