Visualizzazione post con etichetta Faculty. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Faculty. Mostra tutti i post

lunedì 30 luglio 2012

Faculty


Titolo: Faculty
 Regia: Robert Rodriguez
Anno: 1998
Paese: Usa
Giudizio: 3/5

Come molte altre scuole americane la Herrington High ha visto tempi migliori. Ora ha muri fatiscenti, libri di testo superati, apparecchiature obsolete e non ci sono fondi per migliorare la situazione. Gli studenti, come è normale, sono in conflitto con i genitori e hanno poca voglia di studiare. Ma un bel - o brutto? - giorno si trovano a dover affrontare una sfida al di là della loro immaginazione: i loro insegnanti sono degli extraterrestri...

Controcorrente, anticonvenzionale? Beh se al timone mettiamo un mezzo genio dei film di genere allora il risultato è assicurato.
Parliamo ovviamente di Robert Rodriguez e questa parentesi sulla fantascienza è tra le sue prime opere.
Che cosa rende così grande il fulcro della vicenda del film? La droga.
Il fatto che dei giovani si possano salvare(e possano salvare il mondo dall’invasione aliena) grazie ad una droga è assolutamente anarchico e perciò fantastico.
Ribalta completamente gli schemi ferrei su cui bombarda di messaggi moralistici e retorici i mass media americani e non solo.
Un film con un ritmo scandito perfettamente, ottimi colpi di scena, sottotrame e microcosmo della realtà sociale presente nei college americani con tutti gli stereotipi del caso.
Senza forse farlo apposta Rodriguez ha avuto anche una certa fortuna con un casting in cui i giovani sono perfetti nella caratterizzazione che propongono.
Pochissime pecche anzi forse quasi nessuna.
Un tripudio anche qui di citazioni (INVASIONE DEGLI ULTRACORPI,LA COSA,CLASSE 1999,ALIEN,TERMINATOR 2,TERRORE DELLA SESTA LUNA,E.T,MAN IN BLACK) contando quando lo sci-fi abbia sempre appassionato il regista e la sua maniera iconoclasta e splatter cinefila e cinica di concepire il cinema.
Gli effetti molto speciali di Kurtzman, Nicotero e Berger, emuli di Tom Savini, ricalcano ancora di più il tono per certi versi anche comico che fa parte dell’impianto narrativo e un divertimento che travolgerà lo spettatore per tutta la visione del film.