Visualizzazione post con etichetta A Nightmare on Elm Street(2010). Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta A Nightmare on Elm Street(2010). Mostra tutti i post

giovedì 17 marzo 2011

A Nightmare on Elm Street(2010)

Titolo: A Nightmare on Elm Street(2010)
Regia: Samuel Bayer
Anno: 2010
Paese: Usa
Giudizio: 2/5

Un gruppo di ragazzi di periferia condivide un legame: sono tutti pedinati da Freddy Krueger, un assassino orribilmente sfigurato che dà loro la caccia nei loro sogni. Fintanto rimangono svegli, si possono proteggere l'un l'altro... ma quando si addormentano, non c'è scampo...

Krueger è stato il primo a farci avere paura dei sogni andando a toccare un taboo che ha fatto passare tante notti insonni a non pochi giovani.
L'ultimo remake hollywoodiano del caposaldo dell'horror '80-'90 è stato riesumato da un tale di nome Samuel Bayer dipendente mainstream dopo l'insuccesso di BRILLIANT.
In primo luogo va detto che il film è scarso sotto tutti i punti di vista.
Cerca di riprendere la medesima storia del primo capitolo e cercare di dargli vigore avvalendosi dei nuovi effetti visivi ma visto lo scarso contributo della sceneggiatura diventa pedante e stopposo rispondendo ancora una volta alla difficoltà di procedere intelligentemente alla narrazzione e non puntare solamente sulle scene d'effetto senza creare la tensione necessaria.
Senza cercare inutili confronti con l'importante film di Craven si denota sin da subito purtroppo quello stile di regia videoclippara che il più delle volte annienta la storia per una ricerca immediata dello "stupeficium" d'effetto che smorza il soggetto di base e lo spirito della storia.
Il vertice è rappresentato dalla dimensione plastica delle scene splatter e violente a cui Krueger sottopone le sue vittime nella pluralità delle possibilità che si profilano nel sogno.
In cuor mio spero che non si cominci una nuova serie dopo un esordio di questo stampo e le nuove generazioni che nascono con le aspettative improntate al concetto che tutto debba essere modernizzato dovrebbero pensare seriamente di tornare sugli originali per non doversi abbassare alla mercificazione contemporanea che non sembra sapersi distinguere.