Visualizzazione post con etichetta Ucraina. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Ucraina. Mostra tutti i post

lunedì 22 giugno 2015

Tribe

Titolo: Tribe
Regia: Myroslav Slaboshpytskiy
Anno: 2014
Paese: Ucraina
Giudizio: 4/5

Ucraina. Sergey, giovane sordomuto, arriva in un Istituto dove dovrà restare a lungo. Viene subito sottoposto a violenti rituali di iniziazione da parte dei capi di una banda che detta legge. Le due ragazze più attraenti vengono fatte prostituire di notte andando a cercare clienti tra i camionisti di un parcheggio. Sergey si innamora di una delle due, Anna, e viene ricambiato. Non sa però che uno degli istitutori sta dandosi da fare per mandarla in Italia.

Rivoluzionario e coinvolgente sì, capolavoro no.
Parlato interamente con il linguaggio dei segni, l'esordio del regista ucraino dal cognome impronunciabile, è una lenta e drammatica storia di passaggi di formazione e un viaggio dell'eroe nemmeno così tanto atipico.
E'atipica la messa in scena, l'uso delle inquadrature con lunghi piani sequenza e un ritmo che seppur per più di due ore e senza una parola, non diventa mai noioso, in particolare senza abbassare mai i toni.
Ed è un film che a differenza di molti, proprio per questa sua caratteristica principale circa il linguaggio, ti fa diventare un testimone attento dei fatti cercando di sondare ogni significato e ogni scelta da parte dei suoi protagonisti.
Dall'interno del collegio/prigione di Kiev dove si svolge la vicenda, al mondo criminale che sembra quasi necessario per sopravvivere, al sesso come arma di sfogo per la noia mortale, alla prostituzione come unica risposta alla crisi economica, e infine l'Italia che non sembra fare proprio bella figura come paradiso in cui tutte le difficoltà e il benessere sembrano la chiave di volta.
Alcuni passaggi e sequenze comunque, a distanza di tempo, appaiono indimenticabili seppur nella loro semplicità e concretezza, un pregio che non è facile dimenticare soprattutto per chi ha una fruizione di film imponente.
Cinema puro lontano da ammiccamenti e forzature, autoriale nelle viscere e negli intenti, lento e drammatico come il corso della vita e attuale e d'impatto come solo alcuni grandi film sanno essere.
Slaboshpytskiy ci è riuscito raccontando di una tribù di individui decisamente reali per intenti e scopi collettivi partendo da una festa e finendo in una tragedia.