Visualizzazione post con etichetta 1969. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta 1969. Mostra tutti i post

domenica 29 settembre 2013

Bandito della luce rossa

Titolo: Bandito della luce rossa
Regia: Rogerio Sganzerla
Anno: 1969
Paese: Brasile
Giudizio: 4/5

Jorge, un emarginato della città di San Paolo, dopo aver messo in subbuglio tutta la popolazione, e soprattutto dopo aver sfidato la polizia con le sue "imprese", diventa famoso come "il bandito della luce rossa". Il soprannome gli deriva dalla particolare tecnica con cui mette a segno i furti.

"Il terzo mondo esploderà e solo chi non ha le scarpe sarà risparmiato”.
"Questo mondo è vuoto: io non so se lo stiamo costruendo o distruggendo".
Un dramma basato sulla storia vera di Caryl Chessman, il famoso bandito californiano soprannominato «il bandito della luce rossa», che venne catturato nel 1948 e trascorse 12 anni nel braccio della morte prima di venire giustiziato nel 1960.
Erano anni difficili ma cinematograficamente parlando gli anni del "Cinema Novo" in cui Sganzerla, grandissimo fan e discepolo di Welles, esce completamente dai canoni con questa opera fuori dagli schemi con una sorprendente libertà di stile e quant'altro.
Girato estremamente low-budget come quasi tutto il cinema e i documentari del regista, questo film ho avuto la possibilità di ammirarlo in una grande retrospettiva fatta dal Cinema Massimo di Torino proprio sul regista brasiliano.
Si può ricondurre la matrice ai film polizieschi classici americani come QUANDO LA CITTA'DORME in cui si delineano chiaramente le due figure opposte del delinquente e del poliziotto che gli da la caccia, ma il tutto è sovraccaricato dalla verve esplosiva del suo autore che non è intenzionato a confezionare un film di guardie e ladri: vuole raccontarci la malinconia del Brasile, la povertà e la disperazione in cui molti sono costretti a vivere, come il protagonista che acceca le sue vittime con un faro rosso ma in fondo è solo un povero disgraziato che ha preso coscienza delle amarezze della vita troppo presto perché viene dalle favelas, un posto in cui ci dice lo speaker due disgraziati hanno tentato di derubarsi a vicenda per poi accorgersi che non c’era niente da rubare.
In effetti però la scelta tecnica e lo stile del regista sono davvero anomali in certi passaggi, cambiando drasticamente la fotografia, il b/n, il montaggio, voci narranti e voci esterne, i discorsi apocalittici sul destino dell'umanità e interventi del radiogiornale sulle scorribande del nemico pubblico del momento (in alcuni momenti sembra quasi un parente alla lontana dei lottatori mascherati), le prime scritte a display luminoso sopra i negozi forniscono informazioni sul film, dal film, per il film, la voce fuori campo del protagonista si mescola al notiziario mentre le immagini si alternano fra un passato presente e un presente passato dove convivono violenza e samba, il buono e il cattivo, o bandido da luz vermelha durante le sue scorribande nelle abitazioni altrui e l’ispettore Sadi che gli da la caccia disprezzando però le vittime delle azioni criminali, vista la loro ricchezza.

lunedì 21 marzo 2011

Dillinger è morto

Titolo: Dillinger è morto
Regia: Marco Ferreri
Anno: 1969
Paese: Italia
Giudizio: 5/5

Glauco, disegnatore industriale di quarant'anni, rientra a casa dopo una giornata di lavoro. E' un'estate particolarmente calda, la moglie di Glauco è a letto per un'influenza. L'uomo trova nella sala da pranzo una cena fredda; non soddisfatto del cibo, decide di preparare qualcos'altro. Prende un libro di ricette e inizia a cucinare. Mentre cerca negli scaffali gli ingredienti necessari, trova un pacchetto avvolto in carta di giornale. Uno di essi risale al 23 luglio del 1934 e titola "Dillimger è morto". La notizia si riferisce alla morte del famoso gangster americano. Dentro al pacchetto, Glauco trova avvolta una vecchia pistola a tamburo.

Film meraviglioso, fisico, autodistruttivo e claustrofobico che si apre con una scena che spiega esattamente le intenzioni del film e i mali a cui l’uomo contemporaneo è sottoposto continuamente e con cui deve entrare in relazione. Piccoli è superbo, addirittura come mimo in una brevissima inquadratura si dimostra un attore d’altissimo livello. Da una dimostrazione di pura e lucida follia che sconcerta.
Non a caso le parti più interessanti del film sono girate tutte in interni, così come la scena topica del film in cui Glauco, con la pistola alla tempia esce dai ranghi e regala qualche espressione da folle come contrapposizione alla sua normalità soffocante.
I filmini che il protagonista guarda continuamente diventano lo specchio delle sue ossessioni e perversioni. Tenta quasi una possibilità di entrare in contatto con le donne sullo schermo. Al tempo stesso avverte la sua catarsi in un processo d’autodistruzione che non può concedere scampo.
Tutto quello che gli sta intorno diventa trascurabile e tragico, perfetta sintesi di un male contemporaneo invisibile ma che logora l’animo umano.
Ferreri ha girato in due settimane, usando casa sua come location, uno dei suoi film più importanti della sua carriera, regalando dei monologhi splendidi e spietatamente lucidi.
Un film che non perde le analogie con la contemporaneità che ci sta intorno.

domenica 20 marzo 2011

Dramma della gelosia, tutti i particolari in amore.

Titolo: Dramma della gelosia, tutti i particolari in amore.
Regia: Ettore Scola
Anno: 1969
Paese:Italia/Spagna
Giudizio: 4/5

La fioraia Adelaide(Vitti) s’innamora del muratore Oreste(Matroianni) e per lui è disposta a fare qualsiasi cosa. Oreste è sposato con due figli, ma decide di rinunciare a tutto per la bella Adelaide. L’episodio suscita l’ira della moglie che scopre l’identità della fioraia e la manda all’ospedale riempiendola di botte.
Quando Adelaide esce dall’ospedale inizierà una nuova vita con Oreste destinata a non durare a causa dell’arrivo del pizzaiolo Nello(Giannini).
Tra i tre inizia ad instaurarsi un’amicizia profonda destinata a non durare, poiché entrambi amano Adelaide e anche lei sembra non saper scegliere tra i due.
Commedia tragica e divertente con un duo eccezionale composto dalla coppia Vitti-Mastroianni.

Il film è un lungo flashback che cerca di ricostruire la sofferta storia d’amore d’Oreste. Questo schema cerca di mostrarci un processo con l’accusato Oreste che rievoca tutti i fatti che lo hanno portato a compiere il tragico gesto con l’amata.
La struttura del film quindi non è del tutto lineare, quando arriva il personaggio toscano di Nello interpretato da un Giannini vagamente effeminato al suo primo ruolo comico, anche lui rievoca il passato con Adelaide e la sofferta amicizia con Oreste.
Palma d’oro a Cannes per Matroianni, sicuramente uno dei migliori attori italiani che hanno saputo dare un nuovo tratto espressivo al cinema. Sognatore, lavoratore, comico e infine barbone. Mastroianni gigioneggia con alcuni suoi ruoli classici al suo primo film con Scola, per darci un’interpretazione che altalena dall’euforia per la gioia di aver trovato Adelaide e la rabbia e la gelosia quando scopre il tradimento dell’amata con l’amico.
Monica Vitti come sempre è troppo bella e riesce ad essere la più convincente del film regalandoci un’interpretazione straordinaria in un ruolo comico un po’ confuso.
Infine la sempre azzeccata sceneggiatura d’Age e Scarpelli che in questo film contaminano gli elementi della sottocultura –popolare e regalano grandi momenti comici sapendo adattare i dialoghi con i sempre efficaci dialetti popolari che in questo caso si mischiano regalando un mix di grande effetto.

Ragazzi del massacro

Titolo: Ragazzi del massacro
Regia: Fernando Di Leo
Anno: 1969
Paese: Italia
Giudizio: 4/5

Il fatto ha dell’incredibile. Il tutto ha inizio in una scuola serale, con il ritrovamento del cadavere di una giovane docente. A quanto pare, sembra che la professoressa sia stata aggredita e seviziata dall’intera scolaresca. Non una comune scolaresca come tutte le altre, ma un manipolo di ragazzi a dir poco turbolenti per la maggior parte con svariati problemi alle spalle.

Film assolutamente contemporaneo per fatti e circostanze e tratto dal romanzo di Giorgio Scerbanenco.
Un gruppo di studenti minorenni violentano e uccidono la loro maestra in classe apparentemente senza complici. L’ispettore intuirà che dietro c’è un disegno criminale ancora maggiore.
Cosa può fare dunque la magistratura con dei minorenni? Come può comportarsi un ispettore che ha già srotolato parte della matassa e intuito chi sta dietro a cosa, senza fare uso della violenza con tanta sfacciataggine?
L’unico modo per l’ispettore sarà proprio quello di smascherare l’organizzazione che sfrutta proprio “l’innocenza” dei minori.
Il film è basato su un interrogatorio sapientemente analizzato in tutte le sue fasi con un ritmo agganciante che non lascia respiro e interpretato magistralmente da Pier Paolo Capponi.
Le facce dei ragazzi sembrano uscite da un film di Pasolini.
Di Leo è sempre stato un predecessore degli eventi di cronaca così com’è stato uno dei più grandi registi per quanto concerne il genere poliziesco e da cui è stato plagiato e citato da molti registi famosi.
Il film venne vietato ai minori di 18 anni e come tanti film del regista distribuito dalla Raro Video.

domenica 13 marzo 2011

Mia notte con Maud


Titolo: Mia notte con Maud
Regia: Eric Rohmer
Anno: 1969
Paese: Francia
Giudizio: 4/5

Il film è ambientato a Clermont-Ferrand.Michel, un trentenne cattolico, rimane colpito da una bellissima ragazza, Francoise, che vede in chiesa. Non ha il coraggio di avvicinarsi così la segue in macchina perdendone le tracce. In un bar incontra un suo vecchio compagno di scuola che lo invita a trascorrere una serata a casa di una sua amica di nome Maud. Arrivati a casa di Maud, i tre conversano su diversi argomenti tra cui la fedeltà e infedeltà; Michel vista la sua profonda fede cattolica attira l’interesse di Maud che ha da poco divorziato e rimane colpita dai valori morali di Michel. Tra i due non nasce che un bacio. Michel riesce a trovare Francoise e la sposa. Rincontrerà Maud dopo cinque anni, quando ormai ognuno ha seguito la sua strada.

Terzo dei “racconti morali” di E. Rohmer, il film fa perno su un dilemma morale sfruttato spesso nel cinema ma proprio a ridimensionarne le sorti e analizzarne meglio le strutture si cimenta uno dei padrini del cinema francese.
Il film è una commedia d’amore bellissima concentrata proprio sul dilemma fondato sulla fedeltà alla scelta più che alla persona.
L’intreccio della storia è eccellente. Ogni personaggio è ottimamente caratterizzato è ci fornisce esattamente tutti gli elementi su cui riflettere. L’amico di Michel è un insegnante frivolo che preferisce andare con le allieve e divertirsi con Maud.
Maud è la classica donna di larghe vedute che non vuole stringere legami duraturi.
Il personaggio di Michel è ottimamente interpretato da Trintignant.