giovedì 23 febbraio 2017

E' solo la fine del mondo

Titolo: E' solo la fine del mondo
Regia: Xavier Dolan
Anno: 2016
Paese: Francia
Giudizio: 3/5

Da dodici anni Luis, drammaturgo affermato, è lontano da casa. Si è chiuso la porta alle spalle e non è si più voltato indietro. Ma adesso Louis sta morendo e a casa ci vuole tornare. Imbarcato sul primo aereo, rientra in seno alla famiglia che lo attende tra premurosità e isteria. Sulla soglia lo accoglie l'abbraccio di Suzanne, la sorella minore che non ha mai visto crescere, Antoine, il fratello maggiore che si sente minacciato dal ritorno del fratello che aveva monopolizzato l'attenzione dei genitori durante tutta la sua infanzia, Catherine, la cognata insicura e mai conosciuta che esprime le sue verità balbettando, la madre, affatto preparata al ritorno di un figlio mai compreso. Adesso che Louis è tornato lei vorrebbe tanto che le cose funzionassero, che i suoi figli trovassero le parole per dirsi ma nessuno dice e tutti sentenziano. Nessuno sa più niente dell'altro, la morte si appressa e la voce per annunciarla si spegne su un indice che chiede il silenzio.

Xavier Dolan arriva al suo sesto film. Il ventisettenne cineasta di Montréal, odiato e amato al contempo da critica e pubblico, adatta quello che è ritenuto il capolavoro di Jean-Luc Lagarce, l'autore teatrale oggi più rappresentato in Francia, di cui non fu mai portato in scena nulla prima della morte avvenuta prematuramente nel 1995.
Vincitore del Grand Prix al Festival di Cannes 2016, "Juste la fin du monde" è il film più complesso del regista che necessiterebbe di più visioni (noi pubblico e lui regista) per poterne cogliere e custodire le tante sfumature, come già accadeva per MOMMY. Qui è meno isterico, nessuno ascolta nessuno e tutti si parlano sopra sbraitando in un'unica location e con una crew di attori tutta francese a conferma che ormai il quebecchese ci ha salutato.

Film greve a tutto volume, unisce tematiche e paradossi puntando ancora una volta su un tema significativo nella vita del regista che è la vergogna e anche la separazione già sondata nel toccante TOM A LA FERME. Un fiume di parole, di non detti e di reticenze che in un perfetta armonia creano un dramma da camera per un Pinter ancora non affermato e di successo come qualcuno ha avuto l'azzardo di un simile paragone.