domenica 18 settembre 2016

Preacher

Titolo: Preacher
Regia: Seth Rogen, Evan Goldberg
Anno: 2016
Paese: Usa
Stagione: 1
Episodi: 10
Giudizio: 3/5

Jesse Custer, come ricordiamo dalla nostra analisi del pilot, è tornato nella sua cittadina nativa, Annville, in Texas, per portare avanti la missione iniziata da suo padre prima di morire: guidare la piccola chiesa e portare sulla strada della salvezza la comunità distratta ed avvolta nella sabbia texana. La sua vita priva di stimoli viene completamente capovolta con l’arrivo di Genesis, un’entità nata dall’unione clandestina fra un Angelo e un Demone che prende possesso del suo corpo trasformandolo in un essere umano dai poteri apparentemente illimitati.

Preacher è un fumetto o meglio una saga che ho scoperto piuttosto tardi.
Conoscevo da tempo Garth Ennis per il semplice fatto che non conoscerlo significa, di questi tempi, avere una grossa lacuna. Dunque sono rimasto come molti stupito quando ho letto a chi è venuta la brillante idea di creare così dal nulla una serie su questo, a detta di molti, intoccabile fumetto.
Sicuramente l'obbiettivo non è stato facile e Seth Rogen e Evan Goldberg (inutile stare a presentarli) in quanto prima di tutto nerd e pieni di soldi e potere, hanno deciso che si poteva fare.
Anche se vengono spesso incasellati in un genere a volte spocchioso, ironico e sboccato (sul blog troverete quasi tutti i film del duo e dei loro amici), il lavoro svolto per Preacher bisogna proprio dire che è stato sceneggiato molto bene.
La serie ingrana subito la marcia, mostra tutti i personaggi principali, svolge un egregio lavoro di casting (ho ancora qualche riserva su Dominic Cooper ma spero che alzi la cresta) e riesce in un compito difficile e per nulla approssimativo.
La trama e lo spirito della serie scorre quasi immutato anche se nella parte di mezzo sembra non proseguire come dovrebbe, con alcuni momenti morti e alcune scene ridondanti ad esempio quelle dei due angeli alla caccia di Genesis.
Però uno degli elementi che più ho gradito è stato quello di non puntare su un'esagerazione piena di edulcorazioni come forse ci si poteva aspettare, rimanendo bilanciati sulle atmosfere da western decadente che trovano nel Texas una location sempre sorprendente.
Per quanto riguarda i dialoghi invece rimangono doverosamente sboccati e la violenza non diminuisce e non si trattiene diventando più volte congeniale ed esplosiva.
Un misurato mix di generi, citazioni, aderenza della storia, gag riuscite e personaggi caratterizzati a dovere (speriamo nella ripresa di Jesse).

Spero e mi auguro comunque che la serie sappia osare ancora di più, che riesca ad essere più cinica e blasfema come Ennis ha sempre fatto e questo significherebbe dare quella stellina in più ad una buona partenza che se insiste un po di più può diventare davvero ottima.